Aeroporti di Puglia,Mennea mette in evidenza gli interventi regionali

Posted on by Lucio Marengo

Uno scorcio dell’aeroporto Karol Wojtyla di Bari (14 agosto 2013 – foto ufficio stampa Aeroporti di Puglia)

 

“Aeroporti di Puglia è una grande società partecipata della Regione Puglia e la sua attività è cresciuta molto negli ultimi anni. Ma non sono cresciuti, di pari passo, la solidità finanziaria e i risultati economici del bilancio, che quest’anno ci hanno messo nella condizione di dover intervenire in maniera straordinaria per ripianare un debito fuori bilancio di oltre 10 milioni di euro. E questo anche per una gestione a dir poco leggera degli organi amministrativi responsabili, che non hanno prevenuto opportunamente e diligentemente per evitare una situazione di squilibrio finanziario. Se non ci fosse stato il nostro intervento, non solo non ci sarebbe stato un utile nel bilancio 2017, ma sarebbe stato dimezzato il capitale sociale con tutte le conseguenze annesse e connesse”. Lo dichiara il consigliere regionale Pd, vice presidente della commissione Bilancio e componente di quella alle Attività produttive, Ruggiero Mennea, commentando l’avvenuta approvazione del bilancio 2017 di Aeroporti di Puglia.“Solo per un senso di responsabilità – ricorda Mennea – abbiamo approvato il debito fuori bilancio relativo all’Iva arbitrariamente non versata da Adp negli anni scorsi. Ma ciò non toglie, come già anticipato formalmente in aula, che bisogna individuare e approfondire le responsabilità di questa situazione di squilibrio finanziario. Per questo chiederò un’audizione di tutti gli organi competenti, addetti al controllo dell’attività amministrativa di Adp, che dovranno spiegare se ci sono delle responsabilità ed eventualmente in capo a chi sono. La questione dunque – precisa – non va chiusa e, anzi, intendo chiedere una verifica supplementare sui conti di tutte le società partecipate e agenzie proprio in via cautelativa. Per questo – sottolinea – proporrò di valutare l’approvazione di uno strumento legislativo, o di altro genere, per controllare ed accertare i conti delle nostre partecipate”.

“Per quel che riguarda i conti di Adp – conclude Mennea – spero non siano stati previsti dei premi di produttività o di altro genere, legati all’utile di bilancio, perché sarebbe davvero un paradosso e una beffa, dal momento che senza il riconoscimento del debito fuori bilancio quell’utile non ci sarebbe stato. Altrimenti, sarebbe un atto davvero molto grave”.

 

About the Author