Alla fine dei lavori quanto sarà costata la nuova sede del Consiglio regionale?

Posted on by Lucio Marengo

Una nota dei consiglieri del Movimento 5Stelle

Comprendiamo la necessità della dirigente Valenzano di difendere, forse su richiesta, il datore di lavoro Michele Emiliano. Tuttavia pur sorvolando sulla singolarità di una dirigente che risponde ad una conferenza stampa di un gruppo politico non possiamo non constatare la debolezza degli argomenti che leggiamo nella sua replica di fronte alle numerose criticità documentate e inconfutabili che abbiamo presentato questa mattina in conferenza stampa. Innanzitutto ricordiamo alla dirigente Valenzano che la 5a variante è stata approvata nel maggio 2016 data in cui, se la memoria non inganna, il Presidente della Regione Puglia era lo stesso Emiliano che come tale era all’epoca, come oggi, il controllore e il responsabile dell’amministrazione regionale. Ci sforziamo di comprendere altresì anche lo sforzo di raccontare “quante cose belle” siano state acquistate con la variante in questione ma i dubbi sollevati nella conferenza stampa di cui siamo disponibili ad inviarle una copia video per qualsiasi chiarimento, non sono mai stati relativi alla tipologia di oggetti acquistati quanto agli ingiustificabili prezzi o sovrapprezzi applicati agli stessi. La Valenzano forse non sa che i prezzi dell’appalto sono stati fissati non 15 anni fa, nel 2003, ma in sede di progetto esecutivo redatto nel 2010, quando l’importo dei lavori, per enorme aumento di opere e non per aumento di prezzi, aveva raggiunto l’importo di circa 67 milioni. Se variazione di prezzi c’è stata, questa va riferita non a 15 ma a 8 anni fa, e cioè alla data dell’appalto nel 2010. E comunque l’enorme aumento del costo dopo il 2010 è dipeso non dal normale aumento dei prezzi di mercato ma soprattutto dagli enormi e ingiustificati prezzi attribuiti alle opere in variante. D’altronde la dirigente Valenzano vuole davvero convincere noi e i pugliesi del fatto che in degli uffici pubblici sia opportuno acquistare delle plafoniere che costano 637€ al pezzo quando sul mercato plafoniere con prestazioni illuminotecniche assolutamente identiche sono reperibili a 130-150€? Le ricordiamo che il requisito di agire secondo criteri di “economicità e di efficacia” non è un capriccio di un gruppo politico ma è una precisa disposizione di legge. E come si giustifica un sovrapprezzo per un controsoffitto che passa da 3,50€/mq ad oltre 56€/mq? O vuole provare a spiegarci l’indiscutibile e inaccettabile dato di circa 1000 giorni di sospensione lavori?Altra dimostrazione di quanto il direttore Valenzano conosca poco il progetto e il procedimento (dal momento che è stata incaricata di effettuare una indagine interna sulla vicenda) riviene dalla sua affermazione secondo cui sarebbero state apportate modifiche obbligatorie per rispettare la legislazione antisismica. La Valenzano non sa, in modo grave e preoccupante, che l’adeguamento alle norme sismiche intervenne nel 2009 e cioè un anno prima dell’appalto e che dalla data dell’appalto (2010) fino alla data della 5a variante (maggio 2016) non c’è stata alcuna variazione della normativa sismica. Risulta pertanto essere non vera e deviante l’affermazione secondo cui i costi della quinta variante sarebbero dipesi dall’adeguamento a normativa sismica.Ha ragione la Valenzano a ricordare che è un’opera che risale a 15 anni fa e che doveva essere completata con urgenza ed è per queste ragioni che in casi come questo sarebbe meglio e più opportuno rimanere in un decoroso silenzio almeno per rispetto dei cittadini che sono costretti a pagare l’alto prezzo di questa sciatteria. A tal proposito risulta strano che invece contesti la cifra dei 95 milioni di euro (pur non dicendo quale sarebbe dunque a suo parere la cifra) relativa all’attuale entità dei lavori dal momento che, se la matematica non è una opinione, sommando ai 39.500.000 € iniziali, i 27.830.690€ delle varianti progettuali e gli altri 27.668.000 € delle 5 varianti in corso d’opera si arriva proprio alla cifra di 95 milioni. D’altronde basterebbe che esaminasse solo come i progettisti hanno determinato la loro parcella di quasi 12 milioni che riviene proprio dall’applicazione di una percentuale di circa il 12% sull’importo dei lavori di, appunto, 95 milioni.Apprezziamo in ultimo la disponibilità della Valenzano a rilasciarci ogni documentazione utile anche perchè è tenuta a farlo su richiesta di un consigliere regionale, ma non è a noi che dovrà dare spiegazioni quanto piuttosto, se sarà necessario, alle autorità giudiziarie a cui come annunciato presenteremo a breve un esposto con tutta la documentazione. /com

 

 

About the Author