Autonomia della Puglia,Emiliano chiede di poter fare di più,quando non fa neppure l’indispensabile

Posted on by Lucio Marengo

Nota del presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Nino Marmo.
“Abbracciamo da sempre il meglio del neo-regionalismo e non abbiamo mai smesso di sostenere l’idea di una riorganizzazione del rapporto tra Stato e Regioni. Ma quando Emiliano chiede al governo di allargare la sfera di competenza regionale nell’ambito delle materie concorrenti, c’è un muro insormontabile: se questa Giunta regionale, da ormai tre anni, non ha concluso nulla di rilevante nelle materie di sua competenza, come potrebbe fare a sostenere il carico di maggior lavoro che deriverebbe dall’aumento di responsabilità? Come può richiedere Emiliano più poteri quando, dalla sanità all’agricoltura e a tutte le materie di sua competenza, non è riuscito ad attuare nessuna politica risolutiva? Sembra strano che un presidente che non riesce a fare il minimo indispensabile chieda addirittura di fare il “massimo”. La verità, chiaramente, è un’altra. Emiliano vuole ascrivere la responsabilità dei suoi tanti flop alla carenza di poteri esecutivi in capo alle Regioni, ma non solo: sostiene di portare avanti questa istanza per creare forme graduali di partecipazione dei cittadini alle decisioni che li riguardano. Una cosa buona e giusta, ma che arriva all’indomani della querelle col ministro Lezzi. Sembra che sia una risposta diretta a lei, per bypassarla. Dunque, cambiano i governi nazionali e i partiti che li compongono, ma Emiliano non cambia mai: resta il presidente allergico all’assunzione di responsabilità, rincorrendo sempre il tentativo di attribuirle ad altri innescando polemiche e dissidi. La Puglia ha pagato caro i suoi colpi di testa con Renzi e, ahi noi, pare che la storia sia destinata a continuare…”.
About the Author