Bari: dopo la ruota panoramica ecco la torre bellavista, mentre la bella torre della Provincia muore

Posted on by Lucio Marengo

Bella la ruota panoramica che è rimasta a lungo sul lungomare di Bari, anche se il maltempo ha reso difficile salirvi per un gran bel giro. Da qualche giorno è stata montata sempre nello stesso spazio di largo Giannella  una torre in metallo alta circa settantametri che consentirà a chi vi salirà, di poter ammirare un meraviglioso panorama della città, ma a questo proposito, senza nulla togliere allabella iniziativa, sentiamo  di dover ricordare al sindaco Decaro che tra l’altro riveste anche la carica di sindaco metropolitano che da molti decenni è li la grande e prestigiosa torre che forse pochi conoscono e che altrettanto pochi vi sono saliti, e che pare ci siano problemi di staticità della stessa. Ci sono salito su per girare alcune scene per una mia vecchia trasmisssione su RGT all’epoca di Franco Sorrentino e di Maruo Gismondi. Si sale con l’ascensore fino alla sala degli orologi,i cui quadranti dorati sono visibili da lontano e dagli stessi decenni hanno indicato a miglioni di passanti l’ora del giorno. Vedere con i propri occhi i meccanismi che consentono ai quattro quadranti di segnare simultaneamente la stessa ora. Attraverso una scala a chiocciola si sale ancora su fino alla balconate delle campane, ciascuna delle quali con su inciso a rilievo il cognome di un eroe di guerra della nostra provincia, mentre la campana grande che rintocca le ore è dedicata al Milite Ignoto. In un angolo interno del balcone, in una grande cassa c’era un cannocchiale di legno e ottone, con il quale chi ha potuto ha ammirato i monti dell’Albania. Ho scritto questi brevi appunti, nella speranza che il sindaco di Bari ci dica, o meglio dica ai baresi, se è possibile il recupero della torre e farla ritornare ad essere un’attrazione turistica.

                                                                                                                          Pierfri

About the Author