Senza categoria

Bene la mozione a favore dei poligrafici delle aziende editoriali

“Una mozione a sostegno dei diritti dei poligrafici delle aziende editoriali, approvata all’unanimità dal Consiglio regionale e firmata da tanti consiglieri di tutti i gruppi”: il presidente Mario Loizzo sottolinea “la prova di unità dell’Assemblea legislativa”, intervenuta per contribuire a rimuovere una sperequazione a danno di lavoratori pugliesi, dipendenti di aziende editoriali in crisi esclusi dagli ammortizzatori sociali in materia di prepensionamenti. 
Il ripristino dell’anzianità contributiva di 37 anni penalizza molti poligrafici, che già subiscono la crisi che interessa l’editoria quotidiana e tra loro una testata prestigiosa come “La Gazzetta del Mezzogiorno”. 
La mozione sostiene “la necessità di affrontare la crisi della carta stampata attraverso strumenti di ammortizzazione sociale che favoriscano la fuoriuscita volontaria dei lavoratori di un settore che in Italia ha un numero totale di addetti inferiore alle tremila unità”. 
L’iniziativa del Consiglio regionale impegna la Giunta regionale a farsi carico della situazione presso il Governo nazionale, perché davanti a crisi conclamate si possa valutare di ripristinare, sia pure per un tempo definito, il precedente requisito dei 32 anni di anzianità contributiva, “per evitare ricadute traumatiche nel settore poligrafico che nuocerebbero gravemente a lavoratrici e lavoratori difficilmente ricollocabili sul mercato del lavoro. 
Un confronto col Ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico dovrebbe inoltre individuare soluzioni che favoriscano la salvaguardia dei livelli occupazionali e consentano di valorizzare le professionalità anche attraverso percorsi di formazione e riqualificazione.

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy