Conversazioni in musica

Posted on by Antonio Curci

Nel Salotto ottocentesco, tra Vienna e l’Italia: la musica come piacere e arte del dialogo.

Angelo Ragno, flauto

Flavio Maddonni, violino e viola

Antonino Maddonni, chitarra​

Programma:

Gioacchino Rossini, Ouverture da “L’Italiana in Algeri”
(trascrizione di Antonino Maddonni)

Francesco Molino, Trio in Re maggiore Op.45

Anton Diabelli, Serenata Concertante Op.105

Attraverso le pagine in programma sarà possibile assaporare pienamente il gusto per l’intrattenimento piacevole, ricco di spirito e di arguzia, che si praticava nei circoli ristretti di “nobili dilettanti” e nei salotti borghesi, proprio attraverso la musica da camera, specialmente nei Paesi di lingua tedesca. La musica da camera, definita “una conversazione tra persone raffinate” o “ragionevoli”, ebbe una larghissima diffusione e si impose come segno di distinzione delle classi dominanti ed emergenti, animndo la vita sociale di città piccole e grandi. In questo quadro la chitarra seppe conquistarsi uno spazio significativo, facendosi importanteveicolo della diffusione della musica cameristica.

About the Author