Ferrovie del Sud Est non si contano ormai i sequestri milionari a carico del solito personaggio

Posted on by Lucio Marengo

Se non ci riesce la Corte dei Conti ecco allora il passaggio del testimone al Tribunale civile. E poi chissà a chi altro. Tutto sommato i 180 milioni oggetto dell’odierno sequestro “cautelare” (e perciò non definitivoe contro il quale entro 15 giorni gli avvocati dell’ex Amministratore di Sud Est hanno dichiarato di voler depositare il ricorso) è nulla se paragonato ai 2,3 miliardi di euro di risarcimento danni chiesti agli ex vertici del gruppo Veneto Banca… Ma nel caso del nuovo sequestro a Fiorillo, pare vadano ad aggiungersene altri 5di milioni. Tipo asino di Buridano.Di che cosa si tratta? Si tratta ancora una volta della madre di tutti i pasticci delle FSE e di cui tanto ci siamo occupati. Cioè di quelle 25 carrozze tedesche delle quali, al netto della plusvalenza, si sostiene che il prezzo sia stato artatamente gonfiato. Lo dice la (unica) perizia che inchioderebbe il “valore” delle carrozze a soli 448 mila euro per un totale di 11,2 milioni mentre le Sud Est le hanno pagate a quanto pare 16,4. Una differenza di 5,2 milioni. Differenza che se spalmata su tutte le 25 carrozze attesterebbe il “misfatto” a una differenza tra la perizia e la fattura di acquisto in circa 200.000 euro ciascuna. Si è detto che le carrozze nuove di quel tipo e utilizzate da Trenitalia “valgano” un milione l’una. Ma se non andiamo errati, un milione è afferente il valore di una “carrozza nuova trainata”, (che le FSE hanno pagato 400.000 euro in meno) mentre una “carrozza semipilota nuova” (le FSE ne hanno acquistate 5) Trenitalia le ha pagate circa 2 milioni l’una (FSE le ha pagate 620.000).Ovviamente tutto il pasticcio scaturisce da una sola ed unica perizia di parte le cui conclusioni sono state come si sa immediatamente e precisamente contestate da tutti coloro i quali hanno partecipato al progetto e perciò si attendono ancora gli esiti che probabilmente verranno discussi nelle aule del Tribunale. E come noto il Tribunale del riesame e la Cassazione hanno annullato i relativi sequestri cautelari. Sul punto abbiamo voluto sentire anche colui il quale la stampa spesso e volentieri con disprezzo,definisce “faccendiere”, che ci ha ribadito quanto già sapevamo. E che cioè il preventivo per la ristrutturazione completa delle carrozze si attestò a 620.000 euro cifra che fu accettata dalle Sud Est, che definirono di conserva una operazione di leasing back. Che tutti i lavori furono eseguiti a regola d’arte rispettando tutte le norme vigenti. Che lo stato di avanzamento delle lavorazioni è sempre stato seguito dai dirigenti ministeriali che hanno rilasciato tutti i nulla-osta. Che le carrozze hanno iniziato regolarmente a prestare servizio. Ci ha detto anche di essere molto stupito dalle informazioni della stampa che riguardano i prezzi dei treni e dei vagoni in quanto non rispondenti, a suo dire, alla realtà del mercato. Staremo a vedere chi ha ragione però non possiamo non notare quanto “ballerini” siano i prezzi dei materiali ferroviari dopo avere visto lo sbalorditivo prezzo dei treni svizzeri comprati proprio da Trenitalia al doppio del “valore”di mercato. Come mai la Magistratura e la stampa, sempre così attenti agli sprechi della “casta” in questo caso non è intervenuta? Da cronista e quindi facente parte della categoria, mi rammarico di vedere continuamente bollare di faccendierato persone che, fino a prova contraria, fanno il loro lavoro come tanti altri. E facendo le dovute proporzioni sinceramente mi spiacerebbe se il mio lavoro fosse declassato al rango di scribacchino. Speriamo che si faccia luce davvero sui tanti misfatti che paiono costellare 23 anni di governo di Fiorillo e finalmente dare a Cesare quello che è di Cesare. Credo infine che una considerazione di merito non sarebbe estranea: ma chi ce li ha mandati questi personaggi che sono riusciti a distruggere una solida azienda, distribuendo ai soliti clienti raccomandati un gran numero di consulenze super pagate a danno dei soliti indifesi contribuenti?

About the Author