Ferrovie del Sud Est,quando i vertici sono meno vertici

Posted on by Lucio Marengo

Sulla Gazzetta del Mezzogiorno (Lecce) di oggi è apparsa (nuovamente) la notizia della conclusione delle indagini per 4 dipendenti delle Ferrovie del Sud Est riguardante lo scontro fra due treni, di cui ci siamo già occupati in un precedente articolo. L’incidente (20 feriti) non fu solo causato da un errore tecnico, ma dalla mancata formazione, da parte dell’azienda al personale di condotta. «un mix di errori che quel pomeriggio avrebbe potuto provocare una strage (come accaduto il 12 luglio del 2016 sulla Corato-Trani». A differenza però di quel tragico caso, i vertici di FSE non sono stati attinti da nessun provvedimento, mentre quelli di Ferrotramviaria sono stati tutti rinviati a giudizio (sia il presidente che l’amministratore delegato, che il direttore generale). Nel caso dell’incidente di Galugnano invece solo 4 persone andranno a giudizio tra le quali il direttore del trasporto di FSE Luigi Albanese (63 anni) originario di Lecce ma residente a Triggiano. Stupisce poi che nell’articolo odierno vengano indicate solo le iniziali dei nomi degli indagati, quando nel caso appunto di Ferrotramviaria nomi, cognomi e indirizzi, sono stati offerti in pasto ai media con dovizia di particolari. Probabilmente la potenza di Ferrovie dello Stato è intervenuta sul quotidiano affinché tenesse un basso profilo nei riguardi di questi signori, ma soprattutto è riuscita a quanto pare, ad evitare ai veri responsabili dell’incidente, vale a dire ai vertici di FSE di essere attratti dall’inchiesta. In tantissimi altri casi, l’imprenditore è ritenuto sempre colpevole per definizione (ricorderete il caso Thyssen) tanto quanto chi quelle norme di sicurezza non segue e ciò in ogni campo lavorativo. In questo caso si nota la manina che ha scritto un provvedimento decisamente blando e diverso dalla consuetudine. Sarà sufficiente dire che l’ex amministratore Fiorillo fu rinviato a giudizio perché qualcuno dei suoi dipendenti aveva “dimenticato” di smaltire delle traversine di legno inquinate. Questo sol fatto la dice lunga sulla qualità e la specificità degli obiettivi da abbattere. E quali fossero gli inconfessabili scopi.

About the Author