Giovedì 15 al teatro Di Cagno va in scena la spettacolo “3×2 risate”

Posted on by Lucio Marengo

Giovedì 15 e venerdì 16 marzo al Teatro Di Cagno di Bari, per la rassegna comica e brillante “Ridi che ti passa” diretta artisticamente da Anastasia Caldarulo, la compagnia Quanta brava gente, composta da Piero Buzzacchino, Pasquale Arpino e Gianni Filannino, porterà in scena “3×2 risate”.

Durante lo spettacolo – ha affermato Buzzacchino – snoccioleremo cinque situazioni che capitano nella vita di tutti i giorni. Noi li rivedremo tutti in chiave comica. Sono tutti pezzi l’uno diverso dall’altro, che hanno una struttura e una tipologia completamente diversa. Ci sono dei pezzi che sono proprio da cabaret e altri meri atti unici di teatro, delle mini commedie che hanno una loro storia un loro svolgimento e ovviamente un epilogo. Metteremo in risalto le debolezze del genere umano in determinate situazioni”.

Quanta Brava Gente” è l’esperimento più riuscito di due giovani attori, Piero Buzzacchino e Pasquale Arpino che, messisi in gioco, hanno creato una propria compagnia, frutto dell’attaccamento e della passione che nutrono da anni proprio per il teatro. Il nome della Compagnia Teatrale è tratto da una poesia poco conosciuta di uno dei più grandi attori del teatro e del cinema italiano, nonché napoletano, Massimo Troisi, considerata la loro ammirazione oltre che per l’artista anche per l’uomo. La Compagnia, che fondamentalmente è un trio comico, si completa con Giovanni Filannino, e si cimenta dal teatro al cabaret. “3×2 RISATE”, è uno spettacolo che si compone di 5 situazioni e vicende prese in prestito dalla vita di tutti i giorni condite, ovviamente, in salsa comica. Gli spettatori vengono trasportati con leggerezza e allegria da un improbabile incontro nel parco tra due sconosciuti che discutono della vita, dopo una giornata di duro lavoro, ad una visita di condoglianze, al tentativo di sollevare l’amico del cuore dalle pene d’amore (sketch premiato al Concorso Nazionale del Teatro Comico “Bombetta d’oro” XII edizione, ad Altamura (BA), per la sezione “Corti Teatrali”), fino ad arrivare ad una questione di un’eredità da spartire tra gli eredi di una madre deceduta, apparentemente, per cause naturali.

 “In questo spettacolo siamo in tre, abbastanza lontani geograficamente: io sono di Taranto, Pasquale di Napoli e Gianni di Barletta. L’associazione nasce per volontà mia e di Pasquale, che ci siamo conosciuti quindici anni fa in una compagnia teatrale di Taranto. Poi di lì ci siamo staccati e abbiamo dato vita a questa realtà quattro anni fa, ad agosto del 2011, in quanto condividevamo un certo modo di fare teatro. Poi due anni fa si è aggiunto Gianni, che abbiamo conosciuto in un’altra compagnia. Attualmente si è formato questo trio, con il quale facciamo sia spettacoli teatrali, che cabarettistici.”.

About the Author