I grillini vogliono fare saltare l’Aquedotto Pugliese ?

Posted on by Lucio Marengo

Circa vent’anni fa in una seduta molto animata in cui si parlò di Acqyedotto pugliese con la erogazione di un cospicuo contrubuto di circa venti miliardi di lire annui che è già scaduto dopo essere stato prorogato per un altro anno. In quella discussione con un mio modesto ma inequivocabile intervento paventai il rischio che già aleggiava nell’aria visto che  le arpie del malaffare e delle multinazionali anche straniere erano fortemente interessate a mettere le mani sulla grande e storica azienda, perchè l’acqua rendeva e rende ovviamente più del petrolio. Il Governo giallo verde piuttosto di interessarsi solo ed esclusivamente dell’Acquedotto valuti di predisporre un disegno di legge che regoli tutto il sistema idrico italiano, ivi comprese le autorizzazioni agli imbottigliatori delle acque cosidette minerali che andrebbero meglio disciplinate nell’interessa della salute degli italiani. Si rivedano i canoni dello sfruttamento delle falde acquifere dette minerali. L’acqua non può essere gestita da un’azienda speciale, spesso anche partecipata come le aziende comunali dove a rimetterci ingenti contributi è sempre la pubblica amministrazione. Per tanti anni si è sempre detto che l’AQP ga sempre dato più da mangiare che da bere, cosa facciamo ritorniamo all’antico?

                                                                                                                          Prf.Marengo

About the Author