Invece della città alta e snella di Franco Sorrentino ecco Bari degradata e insicura

Posted on by Lucio Marengo

Povero Franco Sorrentino, se fosse vissuto ancora oggi, avrebbe urlato all’indirizzo di questa classe  politica dirigente incapace: ma voi li avete votati e li rivoterete? Bari in stato di abbandono, e quando parliamo di Bari ovviamente non ci riferiamo solo a via Sparano ancora in fase di restauro per il quale sono stati spesi tanti soldi. Nel 1987 quale componente della commissione assegnazione alloggi del comune di Bari furono consegnate agli sfrattati ed agli aventi diritto, le case di Enziteto ed in quella occasione dissi:povera gente come farà a vivere in questo dormitorio? Case costate quattro soldi, la differenza non si è mai saputo che fine abbia fatto. Le porte d’ingresso di compensato leggero, rispettando la consuetudine che gli assegnatari per prima cosa si cautelavano sostituendo la porta d’ingresso, ragione per cui a che serviva una porta consistente, meglio una del valore di quattro soldi. Dopo qualche giorno, assieme al collega buon’anims Lucio Albergo, racccgliemmo una di quelle porte che giaceva tra le macerie, la facemmo sezionale da un falegname  ed il giorno di un consiglio comunale la nascondemmo dietro le tende dell’aula consiliare, e nel corso della seduta del consiglio la esibemmo tra la ilarità di tanti presenti e le cronache della stampa italiana nel fecero cornice. Era sindaco di Bari l’avv.Frano De Lucia e tra i consiglieri guarda caso vi era anche il papà di antonio Decaro sindaco di Bari. Ho parlato di trent’anni orsono e Bari non era degradata come oggi, e la delinquenza era meno pericolosa. Quelle 45 telecamere caro sindaco, sarebbe preferibile metterle in zone più degradate, che faccia buone immagini e che stiano abbastanza sicura dalle manomissioni della manovalanza.

About the Author