La Magistratura dovrebbe chiedere chiarimenti a chi acquista all’estero automezzi italiani

Posted on by Lucio Marengo

Nei giorno scorsi abbiamo pubblicato foto e notizie riguardanti alcune operazioni commerciali multimilionarie quanto meno strane. L’Azienda dei trasporti di Bari AMTAB, ha bisogno di nuovi bus necessari per rinnovare il fatiscente parco automezzi e teoricamente indice una gara d’appalto, pare addirittura internazionale visto che l’impegno di spesa per un totale di sessanta bus a 250 mila euro è a dir poco notevole. I primi 12 bus acquistati dalla IVECO turchia, sarebbero costati circa tre milioni di euro ed avrebbero richiesto una procedura strana anche questa,per la immatricolazione dei mezzi. Ricordo che tempo addietro  si è parlato più del dovuto di treni usati venduti per nuovi, ma sicuramente si tratta di una storia diversa. A parte altre curiosità che andrebbero chiarite, vorremmo capire se acquistare prodotti italiani realizzati in fabbriche italiane in territorio straniero sia conveniente oppure no visto che poi per l’assistenza tecnica a Bari l’AMTAB dovrebbe rivolgersi alla sede IVECO di Bari e non sappiamo se gratuitamente ammesso che i mezzi siano nuovi e quindi in garanzia. Strano anche il fatto di acquistare all’estero prodotti italiani, gli stessi praticamente che vengono fabbricati in Italia. Ci auguriamo che qualche ammministratore del comune di Bari senta il bisogno di chiedere chiarimenti all’azienda partecipata del comune.

About the Author