Senza categoria

La politica ha azzerato gli uffici di collocamento

Prima si chiamavano uffici di collocamento oggi la politica della clientela li ha trasformati in quelli della disoccupazione visto che non servono più e sono stati sostituiti dalle più utili agenzie interinali che molto più comodamente assicurano la copertura di eventuali necessità di unita lavorative, anche alle tante agenzie promosse e finanziate dalla regione anche con fondi europei. Puglia Sviluppo, agenzia partecipata al 100% dalla regione Puglia con una bella sede ubicata nella zona industriale e finalità di supporto a presunte imprese nascenti, e tanti dipendenti assunti con modalità che dovrebbero essere pubbliche. Abbiamo chiesto a non pochi consiglieri regionali di partiti diversi, ma abbiamo ricevuto risposte quasi sempre evasive che ci hanno lasciati alquanto perplessi. A che serve tenere in attività questi uffici provinciali del lavoro? A cosa servono se ci sono graduatorie da decenni senza che mai nessuno abbia avuto mai una risposta sia pure negativa. I giovani in cerca di lavoro dovrebbero scrivere alla Magistratura e chiedere lumi sullavoro che non c’è soprattutto per chi non ha qualche “amico” a cui rivolgersi. Ci sono giovani in graduatoria da oltre vent’anni che ormai hanno perso anche la possibilità di partecipare ad un concorso per due ragioni:la prima si riferisce al limite di età per parteciparvi visto che solo nel nostro Paese dopo aver superato 32 anni e non si può partecipare perchè si è già vecchi, e poi perchè concorsi pubblici non si fanno più da molto a causa delle assunzioni dirette attraverso noti marchingegni. Fanno bene i giovani quando tentano l’avventura di recarsi all’estero a lavorare, dove i titoli di studio faticosamente conquistati servono solo per il cesso. Evviva l’Italia, evviva i garanti della legalità.

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy