La povera gente di casa nostra non ha una casa, dorme nelle auto al freddo, i migranti negli hotel a 4 stelle rifiutano la carne, pretendono Skay

Posted on by Lucio Marengo

Il buon Franco Sorrentino oggi avrebbe esclamato: ma si può fare questa vita?….si può, si può. alla faccia  della povera gente di casa nostra che non ha una casa, vive nelle auto al freddo e nessuno si accorge di loro I nostri ospiti, non profughi, giunti dal centro d’Africa pagando fior di quattrini a spregiudicati Caronte che si sono arricchiti sula pelle di migranti ed hanno arricchito faccendieri italiani rimasti impuniti. Questa sarebbe la solidarietà di Renzi, Gentiloni, Alfano, Qualcuno per caso si è accorto di quanta gente dorme all’addiaccio sotto i ponti, coperti alla men peggio e sfamati dalla povera gente come loro che sa cosa sia la generosità. Questi signori ospiti da lungo tempo vengono ospitati in numerosissime strutture alberghiere e rifocillati, e dove pretendono la televisione satellitare, rifiutano la carne e vorrebbero il pesce. Questa non è solidarietà e lo constatiamo ogni giorno  con la presenza assidua di gente di colore davanti all’ingresso dei negozi di alimentari e della grande distribuzione. a praticare l’accattonaggio e la scorsa settimana abbiamo proposto ad alcuni di loro di lavorare ma la risposta è stata secca e negativa perchè per loro il guadagno è assicurata dalla generosità degli avventori che si recano a fare la spesa. Il presunto assassino carnefice della giovane Pamela era ospite da oltre un anno in un albergo a quattro stelle dove viveva e mangiava con tutti i conforti che si possono immaginare. Siamo stanchi di questo andazzo e ci auguriamo che gli italiani si rendano conto della nostra dabbenaggine che è cosa ben diversa della solidarietà. Anche i nostri connazionali si sono recati all’estero con le valigie di cartone dove hanno svolto i lavori più umili e mai gratuitamente. Perchè qualcuno non propone che questi migranti che sono giunti a centinaia di migliaia e che giungono ancoro posano essere utilizzati per i tanti lavori  socialmente utili? L’hotel Recina  ubicato vicino Macerata ha riservato ai migranti gli ultimi due piani. In tutte le camere Wi-fy gratuito, Tv satellitare ed ogni tipo di confort, in più ricevono anche la paghetta quotidiana.Nonostante tutta questa generosità non dovuta, le carceri italiane sono piene di migranti che delinquono. Il commento ognuno lo faccia guardandosi allo specchio.

                                                                                                                                         Lucio Marengo

About the Author