La sopportazione è al limite, necessarie le ronde militari per difendere la libertà e la democrazia

Posted on by Lucio Marengo

Non sono mai stato  un violento, ma non è più possibile vivere con il continuo stato di tensione per il timore di essere aggrediti o di vedere tornare a casa un figlio malmenato e derubato dai soliti giovanissimi bulli che la legge non applicata ma interpretata consente a questi delinquenti di restare impuniti. L’altra sera in piazza Roma un giovane è stato brutalmente colpito da un gruppetto di bulletti che gli hanno sottratto occhiali e cellulare. Parliamo del centro di Bari senza l’ombra di rappresentanti di polizia e carabinieri. Abbiamo visto la scena vergognosa  di dieci  agenti mandati allo sbaraglio contro circa 400 vigliacchi manifestanti, gli stessi agenti hanno parlato di mattanza. Altri sconcertanti episodi si verificano in ogni ora del giorno in tutte le città d’Italia, in particolar modo nelle periferie urbane dove gli abitanti oltre il tramonto vivono agli arresti domiciliari. Cosa succede? Le FF.OO: malpagate sono alla resa? E il Presidente della repubblica può continuare a fingere di non sapere nulla? A cosa serve un esercito nelle caserme, perchè non vengono utilizzati i militari in supporto a polizia, carabinieri e guardia di finanza. La reazione del gioielliere che ha sparato per difendersi potrebbe essere un segnale di reazione  di una situazione diventata insopportabile specie se non si assumeranno le necessarie iniziative di vigilare sulla libertà dei cittadini, Fuori quindi dalle caserme i soldati e vengano organizzate le ronde miste in tutti i quartieri e nelle zone critiche delle città. Siamo contro ogni violenza, ma nessuno può impedirci di difenderci se questo compito non viene assolto dalleIstituzioni.

About the Author