L’Arch. Eugenio Lombardi e Cosimo Gadaleta ascoltati in Commissione Decentramento del comune di Bari

Posted on by Lucio Marengo

Questa mattina, accompagnato da Antonio Gadaleta nella sua qualità di storico e competente fautore del decentramento tecnico-amministrativo, sono stato invitato e ascoltato dalla Commissione al Decentramento del Comune di Bari, presieduta dal consigliere Giuseppe Muolo. Argomento principale: l’esigenza di qualificare con urgenza le scelte dell’Amministrazione in merito all’atavica e irrisolta questione dell’attraversamento ferroviario nel V Municipio, relativamente al territorio di Palese e Santo Spirito e inserirle da subito nel Piano Urbanistico Generale in fase di redazione. A seguito di miei recenti articoli relativi alle prospettive urbanistiche di Bari e della città metropolitana, avevo infatti presentato, come responsabile dell’Associazione Ecomuseo Urbano del Nord Barese, un’articolata richiesta di intervento.

Durante il lungo e cordiale incontro, presenti tutti i consiglieri di Commissione fra i quali, per il territorio interessato, Michele Picaro, abbiamo avuto modo di descrivere la situazione, le varianti progettuali nel tempo valutate e spiegato come e perchè a nostro avviso si ritenga più valida e articolata la prospettiva di deviazione lungo la direttrice aeroportuale dei traffici ferroviari nazionale passeggeri e merci. Sull’attuale sedime verrebbe mantenuto il traffico locale passeggeri, sostituendolo con un percorso di tramvia veloce, che risultando sistema trasportistico urbano, consentirebbe di eliminare i passaggi a livello e NON chiuderli con muri.

Il consigliere Mimmo Di Paola è intervenuto a sostegno delle proposte ed ha mostrato un suo personale studio di approfondita analisi delle problematiche territoriali di sistema, in cui tra l’altro si evidenzia la possibilità di deviazione come sù indicato fin dall’area ferroviaria di Barletta, già predisposta a tale eventualità. Ha inoltre investito la Commissione Comunale al Decentramento dell’esigenza di richiedere la sospensione di qualsivoglia intervento territoriale che non sia inquadrato in una visione di sistema e che rischi in tal modo di pregiudicare il futuro assetto urbanistico così come verrà promosso dal PUG. Antonio Gadaleta ha a sua volta espresso forte apprezzamento per questo costruttivo modello di partecipazione ed ha ricordato come tutte le iniziative infrastrutturali inerenti la città di Bari debbano essere inquadrate in una più ampia visione della città metropolitana.

Il presidente Muolo, nel manifestare apprezzamento per la qualità degli interventi, ha proposto (ed è stato messo a verbale) di promuovere un incontro congiunto con la Commissione Urbanistica e l’assessore Carla Tedesco, al fine di verificare la situazione attuale e procedere quindi al coinvolgimento di RFI per una valutazione e definizione progettuale.

About the Author