Le promesse fatta da FSE saranno mantenute?

Posted on by Lucio Marengo

ATR 220-019 delle Ferrovie del Sud-Est a Nardo’

Caro Direttore,

ho letto con interesse quanto riportato dal Suo giornale inerente alla questione del rilancio delle Fse e dei “miracoli” promessi dai manager di FS durante la riunione alla Camera. Se non sbaglio il direttore generale ha dichiarato che nei primi mesi del 2018 verranno riavviati al servizio tutti quanti i 27 treni polacchi. Da quello che so le operazioni di manutenzione straordinaria che riguardano questi treni sono tali e tante che la nostra officina non sarà in grado di svolgere. Altri complessi hanno già superato il kmetraggio che obbliga a determinate operazioni per eseguire le quali Fse non è attrezzata. Da quello che si dice in giro queste manutenzioni saranno effettuate direttamente dalla ditta costruttrice Pesa. Peccato però che non ci risulta che questi signori abbiano a disposizione un deposito dove effettuare le manutenzioni. Pare infatti che all’inizio volessero addirittura portarsi i treni in Polonia. In più la ditta Pesa è stata obbligata da Trenitalia alla quale ha venduto decine e decine di treni alla sostituzione a proprie spese, di tutti i carrelli, ruote comprese a causa di difetti costruttivi. Ma tutti sanno che la Pesa è sull’orlo del fallimento. Ne hanno parlato e ne parlano i giornali polacchi tutti i giorni. Dunque come sarà possibile per Fse procurarsi i pezzi di ricambio ed effettuare tutte queste operazioni molto laboriose e complesse se chi deve fare i lavori è quasi fallito? In più a breve verrà smantellata l’officina di Fse a causa dell’inquinamento dei terreni. Insomma la vedo dura che davvero le promesse potranno essere rispettate visto quello che bolle in pentola. E anche per i dipendenti diretti o in affitto, la situazione non è per niente rosea.

La ringrazio per l’attenzione.                                                                                Lettera firmata

About the Author