Attualità

Lettera aperta ad un diciottenne

Sei diventato maggiorenne e inizi a muoverti in autonomia in un mondo governato da persone con i capelli grigi.
E’ così, l’età media in Italia è di 45 anni. Senza fare troppa statistica, se un giovane su tre è disoccupato mentre gli adulti vanno in pensione a 65 anni, è chiaro che ti troverai tra persone molto più grandi di te.
Te lo dico perché quando si è un po’ più adulti, non si resiste alla tentazione di dare consigli, di fare raccomandazioni e di spiegare come funziona la vita. Quindi spesso ti verranno dette delle cose per aiutarti a crescere, cose da cui dovrai stare in guardia.
In questo mondo dai capelli grigi potresti sentirti dire, ad esempio, che i giovani non hanno disciplina o che sono maleducati. Sii critico e fai attenzione, probabilmente chi ti parlerà sarà la stessa persona che parcheggia impropriamente in un posto riservato ai disabili o che sgomita al bar cercando di saltare la fila.
Potrebbero dirti che passi ore al cellulare e che non sai relazionarti in modo profondo. Non starò qui a parlarti di analfabetismo funzionale, ma sappi che mentre tu ti destreggi con naturalezza nel tuo mondo tecnologico, c’è un esercito di capelli grigi che pigia forte sulla tastiera, indignandosi, condividendo bufale e augurando buon lunedì a millemila sconosciuti.
Altri potrebbero insinuare che sei choosy o bamboccione. Non ti fermare alla prima critica, sappi che una percentuale inconfessabile di quelle teste grigie ha avuto accesso al mondo del lavoro grazie ad un sistema clientelare fatto di amici di amici che ha annullato la meritocrazia e disincentivato l’impegno personale. “Tanto è sempre stato così” è stato il loro mantra per decenni, alibi formidabile per sedare ogni scrupolo.
E mentre ti spiegheranno che non studi abbastanza o non hai la cultura del lavoro, sorvoleranno sul fatto che probabilmente devono la loro carriera ad un metodo baronale che si paga con favori o col voto.
Osservo quotidianamente questa grigiocrazia dalla memoria corta e la coscienza impermeabile e noto quanto sia abituale rivolgersi ai giovani con il tono saccente di chi pensa che al loro posto saprebbe fare di meglio.
Non farti fregare, ci siamo già stati al tuo posto e ciò che abbiamo fatto è il mondo che vedi fuori.
Ti stiamo consegnando un territorio intossicato e noi che ti abbiamo preceduto siamo tutti responsabili dei veleni che respiri bevi e mangi. Chi ha taciuto è responsabile per non aver parlato; chi non sapeva è responsabile perché è stato superficiale; chi ha votato i corrotti è responsabile delle infamie commesse grazie al suo voto.
Ti stiamo consegnando un mondo spaventosamente indebitato da decenni di vita vissuta al di sopra delle nostre possibilità. Decenni in cui si è tollerato assenteismo, raccomandazioni, abusivismo e corruzione, nella totale consapevolezza di star ipotecando il futuro delle generazioni a venire. Adesso siamo arrivati alla resa dei conti, la generazione futura sei tu e ti dobbiamo molto.
Il risultato di questa condotta scellerata è un debito enorme, un paese inquinato, senza risorse e con i servizi pubblici al collasso. Un paese di emigrazione al contrario, dove quelli che hanno qualche possibilità in più scappano lontano, mentre per gli altri non resta nemmeno un’America da sognare.
Stai in guardia dalle parole figlio mio, la litania costante dei pregiudizi potrebbe convincerti che sei sbagliato, mentre siamo noi ad essere in debito con te e dovremmo avere almeno il buon gusto di tacere.
Per tutto questo non ho consigli da darti, ma solo una preghiera: il mondo può cambiare, sii migliore di noi.

Related posts

Il comportamento di certe Procure nei casi di fallimento. La legge è uguale per tutti?

redazione@metropolinotizie.it

Gli errori della Guardia di finanza: chi paga il conto?

redazione@metropolinotizie.it

Meraviglioso sud con mare da sogno, enogastronomia genuina, vacanze e mete culturali da ricordare.

Redazione Metropoli Notizie

Lo schiaffo di Casarini: “Pagheremo la multa per l’ong di Sea Watch”

redazione@metropolinotizie.it

Mercatone Uno – Conferenza Stampa di Mimmo Santorsola

redazione@metropolinotizie.it

Accessori Auto e Moto online con l’e-commerce di Autoaccessoriweb

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy