Ecco l’Italia dei due pesi e due misure a spese di chi paga il canone RAI

Posted on by Lucio Marengo

Per una volta lasciatemi parlare di retribuzioni e di usare il termine lira perchè penso che gli italiani non si rendano ancora conto che anche  lo spettacolo, il trattenimento,  consente due pesi e due misure nei trattamenti economici non sappiamo se anche pensionabili. Flavio Insinna percepisce 2 miliardi e seicento milioni di lire (euro 1 milione e 300mila), il moralista Fabio Fazio 3 miliardi e seicento milioni di lire (1 milione 800 mila euro) c ‘è poi Antonella Clerici, Carlo Conti,  Bruno Vespa 3 miliardi e seicento milioni, c’è poi l’altro moralista Gilletti, e tutta una serie di personaggi con il compito di sparlare dei poco amici della sinistra. $1 solo le star della Rai, poi cè il CDA e tutti i dirigenti. Vorremmo sapere dalla commissione di vigilanza sella Rai presieduta dal grillino Fico che di queste cose non parla mai. Ma tutti quei soldi che vengono erogati a questi personaggi sono pensionabili? E poi alcuni di loro come Gilletti o Fazio, come Santoro e Travaglio visto che parlano dei vitalizi dei parlamentari, perchè non li confrontano con le loro retribuzioni. Perchè il canone TVRai viene imposto e quello alle altre reti no? Gilletti,Fazio Littizzetto e tutti gli accreditati in certi partiti predicano bene e razzolano male, i soliti due pesi e due misure, tanto pantalone paga sempre.

About the Author