Il mancato collocamento obbligatorio dei disabili nelle pubbliche Amministrazioni è colpa delle province

Posted on by Lucio Marengo

Il Collocamento obbligatorio delle persone con disabilità nelle Pubbliche amministrazioni è al centro di una interrogazione presentata dai Consiglieri regionale del Movimento cinque Stelle, Mario Conca e Rosa Barone.

“Ogni impresa privata – sostiene Conca – è obbligata ad assumere una persona con disabilità ogni quindici dipendenti. Se questo vale per le imprese private, come mai l’ente pubblico, che dovrebbe dare l’esempio, non riesce a garantire altrettante assunzioni. Questa interrogazione serve ad accendere un faro su questa tema che coinvolge tante persone con disabilità che hanno maggiore difficoltà ad accedere al mondo del lavoro, per cui credo che la Pubblica Amministrazione dovrebbe dare maggiore attenzione”.
Al consigliere Conca ha risposto l’assessore al lavoro, Sebastiano Leo “l’interrogazione verte essenzialmente sui centri per l’impiego. Voglio evidenziare che la gestione dei centri per l’impiego è di competenza della Provincia, perché sussiste una convenzione tra Regione e Province”. “Noi stiamo organizzando una nuova governance dei centri per l’impiego – ha aggiunto Leo – pertanto abbiamo funzione di indirizzo e coordinamento. Non abbiamo, quindi, la funzione di sanzionare le aziende private che non assumono disabili o altro, il compito spetta direttamente ai centri per l’impiego e, quindi, alle Province”.

About the Author