Mario Conca: l’ex sindaco di Gravina Valente ha mentito sul ricorso al Consiglio di Stato

Posted on by Lucio Marengo
La prova che l’ex sindaco di Gravina Valente mentiva sapendo di mentire, l’ha fornita lui stesso venerdì, quando con eccessiva enfasi annunciò a mezzo Facebook di aver FINALMENTE presentato l’appello al Consiglio di Stato. Finalmente dovremmo dirlo noi cittadini, lui ha ancora una volta dimostrato di essere un bugiardo e un mistificatore seriale, visto che la NOTIFICA da parte delle opposizioni non era fondamentale per ricorrere in appello. Perché Valente ci ha fatto perdere 28 utilissimi giorni per presentarlo? Un tempo sufficiente, oltre che prezioso, per perfezionare l’iter al CdS e riportarci al voto entro maggio 2018, ma è lapalissiano che lui non voleva tornare al voto, non avendo più la squadra compatta e la forza economica per un’altra dispendiosa campagna elettorale. Ha atteso, dunque, VOLUTAMENTE quattro settimane per far decorrere i termini. Forse spera che il lungo commissariamento che si prospetta possa essere utilizzato come strategia difensiva nell’istanza di appello, della serie: “s’avoon a fè l’anm”. Ancora una volta ha dimostrato che non ama assolutamente la città, ma asseconda solo la sua carriera poltica e le sue velleità personali e per questo è disposto a tutto.La cosa più grave è che continua, abusando della buona fede della gente, a dare colpe alle opposizioni che invece non hanno nessuna colpa per l’assurdo suo temporeggiare, ma non si VERGOGNA neanche un po’?Qui in calce l’intervista rilasciata con Alessandro Iollol Logliscii a GravinaLife venerdì scorso, poco prima di sapere del deposito dell’istanza!
About the Author