Il nuovo palazzo d’oro della Regione Puglia , da 39 a 110 milioni di euro più i danni

Posted on by Lucio Marengo

E’ possibile che un’opera pubblica nella nostra città deve necessariamente avere dietro una storia di apparente malaffare, di ingerenze di azioni poco trasparenti che, come in questo caso è stato fatto in modo che vincesse l’appalto per la costruzione della nuova sede del Consiglio regionale che dal 1970 ad oggi,cioè per quarant’anni costa ai cittadini pugliesi una montagna di milioni prima di lire ora di euro. La Crte di Appello ha definitivamente sentenziato che lo studio Cutolo che aveva partecipato tra gli altri alla gara pubblica, avrebbe avuto senza dubbio la possibilità di arrivare primo, ed ha stabilito quindi un indennizzo di circa 4 milioni di euro. Il costo del nuovo palazzo era stato quantificato in 39 milioni di euro il 2003 con la Giunta regionale Fitto, poi Vendola, ed attualmente Emiliano i costi sono saliti a 110 milioni di euro essendoci state 5 varianti in corso d’opera. Ora i lavori sono fermi, non si sa quando riprenderanno e se riprenderanno, visto che potrebbe accadere che una decisione assurda possa deciderne l’abbattimento e l’affidamento al secondo progetto in graduatoria,cioè, allo studio dell’ing. Michele Cutolo. Ecco come si sperpera il denaro  pubblico con costi lievitati paurosamente. Perchè i processi durano tanto e spesso si prescrivono? Ecco la incapacità della politica nelle mani di sprovveduti che non sono riusciti oppure non hanno voluto predisporre una revisione del codice degli appalti, e della stessa magistratura, la cui credibilità è calata paurosamente.

About the Author