I partiti tradizionali se vogliono recuperare debbono ritornare sul territorio abbandonato

Posted on by Lucio Marengo

Dove le cose funzionano meglio che al Sud il Movimento 5 stella ha arrancato, mentre al sud dove il rapporto eletti territorio  è diventato inesistente da anni e questa classe politica è stata giustamente punita. I partiti tradizionali non esistono più grazie alla forte ingerenza di un personaggio come Silvio Berlusconi che ha tolto spazio a tutti diventando il padrone  utilizzando i suoi giornali e le sue reti televisive solo per fare di se stesso un personaggio insopportabile anche per tutte le sue disavventure giudiziarie. Un generale comandante ed una truppa senza gradi e senza facoltà di intendere e di volere. L’ultima vergogna di questo tipo di gestione del partito del cavaliere è stato quello di imporre in puglia un candidato blindato come Elio vito che è di Napoli e che è stato eletto, e non ha minimamente pensato ad un validissimo ormai ex deputo oscente Rocco Palese che avrebbe strameritato di ritornare in Parlamento per i suoi grandi meriti, nelle presenze e nell’attività. Ma con questa legge elettorale fatta su misura di pochi, i meriti non contano al contrario di quello che accadeva anni addietro quando gli eletti, e non i nominati senza volto avevano costanti rapporti con il territorio. Bisogna riconoscere che in questi anni trascorsi il movimento 5 stelle ha saputo allacciare rapporti indissolubili con la base svolgendo il ruolo della buona opposizione, caratteristica di una destra che da sempre in Puglia e non solo ha avuto grandi personaggi alla guida. Occorre una nuova scuola politica in cui vengano utilizzati coloro che hanno esperienza e che insegnino ai giovani l’amore per la politica. Se non si sarà capaci di farlo, sarà la fine di ogni ipotesi di speranze.

About the Author