Pinturas Quintet e il Jacqui Naylor Quartet al Nicolaus Hotel di Bari

Posted on by Antonio Curci

Domani, sabato 4 novembre e domenica 5 novembre due concerti fuori rassegna per l’Associazione “Nel Gioco del Jazz” che rinnova la collaborazione con “Bari Hi End”, Mostra di alta fedeltà e cinema in casa. Al Nicolaus Hotel di Bari, alle 21,00, sabato 4 salirà sul palcoscenico il Pinturas Quintet e domenica 5 novembre  il Jacqui Naylor Quartet.

Il Pinturas Quintet è composto da Roberto Ottaviano al sax, Nando Di Modugno alla chitarra, Giorgio Vendola al contrabbasso, Pippo D’Ambrosio alla batteria e ospite d’eccezione Mirko Signorile al pianoforte.

“Dopo 25 anni circa di progetti realizzati insieme ad artisti provenienti da varie parti del nostro pianeta, non è un caso se questo nuovo quartetto nasce nella mia terra”, afferma Ottaviano. “Nasce infatti dalla convinzione che in questo angolo del mondo esistano ormai delle capacità e sensibilità mature, connotate da una forte personalità. Doti estremamente intrise di tutte le culture e quindi dalle musiche del mondo che le hanno attraversate e che, come nei racconti dei viaggiatori, hanno sedimentato visioni, umori ed aspirazioni. Il jazz diventa qui il pennello veloce con cui rappresentare paesaggi e storie immaginarie, i colori sono una infinita tavolozza costituita da tutte le musiche che amiamo profondamente e che rappresentano ancora oggi l’idea di un messaggio nella bottiglia.

Ecco come si compone Pinturas, un affresco dinamico e proiettato verso il futuro ma tuttavia profondamente radicato nell’archetipo del Sud”.

Protagonista della serata sarà il secondo album di Pinturas “Change the world” per l’etichetta discografica della stessa Associazione “Nel Gioco del Jazz” . Si tratta di registrazioni del 2011 create per lo spettacolo “Le notti dell’avvocato Guerrieri” con Gianrico e Francesco Carofiglio. Si va da “The Circle Game” ( J.Mitchell )  a “Money” ( R.Waters ), “Luiza” ( T.Jobim ), “Merci Street” ( P.Gabriel ) “Surrender”  (D.Sylvian ), “I’ll Be Your Mirror” ( L.Reed ), “Change The World ( E.Clapton ), “I Don’t Want To Talk About It” (R.Stewart ), “Blackbird” ( J.Lennon & P.McCartney ). “Se non  si può cambiare il mondo”, continua Ottaviano, “almeno tentiamo di renderlo un posto più degno da essere vissuto, attraverso la bellezza infinita di tutta la musica che lo pervade. Quella passata, presente e futura”.

Domenica 5 novembre sempre al Nicolaus Hotel di Bari alle 21,00, salirà sul palcoscenico il Jacqui Naylor Quartet composto dalla vocalist americana che dà il nome al quartetto, da Art Khu al pianoforte, da Giorgio Vendola al contrabbasso e Pippo D’Ambrosio alla batteria.

Nata a Saratoga (California) Jacqui Naylor è una cantautrice tra le più affermate sulla scena mondiale a metà tra jazz e pop.

Negli anni ottanta studia economia presso l’Università di Stato di San Francisco, dove consegue la laurea in Marketing nel 1991. Lavora per sei anni come responsabile marketing per il designer stilista Lat Naylor, che ha sposa nel frattempo. Ma la sua attenzione si rivolge presto alla musica jazz e pop e nel 1997 decide di rendere la musica la sua priorità fondando anche una propria etichetta, la Ruby Star

Records. Nel 1999 esce il suo primo album con il semplice titolo Jacqui Naylor, seguito da altri due album e dal più recente, il live-album Live East/West: Birdland / Yoshi’s. L’album contiene musiche standards e proprie composizioni, ma soprattutto mette in mostra la sua specialità, lo “smashing acustico”, cioè il mescolare due brani di generi diversi in uno, ad esempio ” My Funny Valentine ” insieme a “Back in Black” degli AC / DC.

Nel frattempo divorzia e sposa Art Khu, eclettico pianista e compositore con il quale fa ormai coppia fissa da circa 10 anni. Il loro successo è travolgente ed è apprezzato in tutto il mondo.

Alcuni l’accostano a Diana Krall per il suo particolare modo di cantare o perché ingannati dalla somiglianza alla cantante e pianista canadese.

Nel 2012 pubblica anche il DVD dal titolo Lucky Girl – un ritratto di Jacqui Naylor. I brani dell’ultimo album “Q & A”, pubblicato quest’anno, sono stati scritti a due mani con il marito e nelle note della vocalist californiana riecheggiano atmosfere lontane, riletture attinte dai grandi del jazz con riferimenti a Sarah Vaughan, Ellla Fitzgerald e Billy Holiday ma anche a Amy Winehouse e Freddie Mercury. Sino ad ora Jacqui Naylor ha pubblicato oltre 10 album.

A Bari sarà accompagnata da due musicisti pugliesi, Vendola e D’Ambrosio, con i quali ha già suonato in Europa alcuni anni fa. 

Il prossimo appuntamento dell’Associazione “Nel Gioco del Jazz” è per domenica 26 novembre, al Teatro Forma a Bari, con Daniel Melingo, ambasciatore di un tango popolare e colto. 

I due concerti dei Pinturas Quintet e del Jacqui Naylor Quartet  si svolgeranno nell’ambito della  XXVI^ Edizione di Bari Hi-End – Mostra di alta fedeltà e cinema in casa, che si terrà sempre il 4 e il 5 novembre al  Nicolaus Hotel di Bari. Nuove start up partner della manifestazione realizzeranno punti di esposizioni e demo live in un connubio che lega arte, suoni, musica, spettacolo, food e cultura. I tre livelli espositivi della mostra ospiteranno numerosi espositori del mondo dell’audio. Un’area sarà dedicata alle degustazioni di cibo e vino, accompagnate da artisti che esporranno le loro opere.

L’area seminari, quest’anno sarà ricchissima di eventi, si parlerà di riqualificazione di spazi urbani e sociali di periferia. I maestri liutai ci faranno scoprire inoltre le differenze tra uno strumento di fattura industriale ed uno artigianale. Il tutto per offrire un ambiente live, affascinante ed armonico.

 

About the Author