I retroscena della politica vedono ridimensionate le promesse populistiche del Mov. 5 Stelle

Posted on by Lucio Marengo

Si ha la netta impressione  che il consenso nei confronti dei cinque stelle stia vistosamente calando e la certezza è data che l’unica populistica punizione ad una classe politica che ha compiuto il proprio dovere forse molto meglio di tanti  soggetti entrati in parlamento non per consensi personali e popolari, bensì per un marchingegno messo in atto da Casaleggio padre e da Beppe  Grillo e dai loro blog che hanno saputo abilmente pilotare il malcontento generale di un Paese in profonda crisi economica. Ma a farne le spese sembra siano stati solo un certo numero di ex parlamentari che dal 1° gennaio del 2019 vedranno probabilmente  decurtarsi parte del vitalizio che per tanti sono indispensabili per vivere. Dunque pagherebbero solo gli ex parlamentari, per ora dei senatori non se ne parla, e vergognosamente non si parla neppure degli ex consiglieri regionali che percepiscono vitalizi maggiori, non si parla di coloro che sono stati deputati, senatori, consiglieri regionali ed anche parlamentari europei. Un dispetto vero e proprio che  ridimensiona una falsa verità che renderà poche elemosine. Grillo nell’ombra detiene ormai il massimo potere e e Luigi di Maio il massimo esecutore. Con tutte le promesse che non potrà mantenere credo proprio che questo governo non durerà molto e i capricci svaniranno nel fumo di questo populismo non degno di un grande Paese come l’Italia.

About the Author