Il senso delle Ferrovie del Sud Est per la sicurezza

Posted on by Lucio Marengo

Abbiamo più volte raccontato dell’assoluto disinteresse dei vertici delle Sud est per la sicurezza. Prima è stato il caso del commissario Viero che ha fatto circolare i treni senza freni e con le ruote consumate del che è indagato a Lecce. Adesso si ripropone il tema. Il caso del pullman carico di studenti da Ceglie e Francavilla Fontana è emblematico. Uno studente appunto trasportato sui “meravigliosi” mezzi delle nuove Ferrovie del sud est si è dovuto improvvisare meccanico. Il portellone del pullman non chiudeva perfettamente e il giovane ha pensato bene di provvedere a mettere in sicurezza il mezzo usando la propria cintura dei pantaloni. La sostituzione dei treni coi pullman di quarta mano, sta creando ai pendolari una serie di gravi problemi a causa dei pochi posti a sedere, dalla scarsa pulizia e soprattutto dal traffico molto congestionato nelle ore canoniche che causa spesso e volentieri ritardi nell’arrivo a destinazione. È sotto agli occhi di tutti la ancora drammatica situazione in cui versa il vettore pugliese alle prese con un piano di ristrutturazione molto complicato ereditato da anni e anni di totale disinteresse da parte dello Stato e della regione puglia. Il fatto che sia intervenuta Ferrovie dello stato non ci pare abbia modificato affatto lo stato delle cose. Anzi. Il futuro delle Ferrovie del Sud est è ancora molto incerto se solo si pensa allo stato pietoso della flotta e ai lavori per l’ammodernamento della rete che impiegheranno se tutto va bene altri tre o quattro anni. Pare purtroppo che non vi sia almeno in tempi brevi una soluzione e quindi occorrerà ancora per chissà quanto tempo mangiare questa minestra. Anche se alle volte, è meglio saltare dalla finestra. È più sicuro …

About the Author