Si può morire per salvare un cane? Gesto eroico di una giovane donna

Posted on by Lucio Marengo

La morte di Dalila, accidentale,  redo possa servire ancora una volta a riconoscere l’intensità di un affetto che intercorre tra un animale ed un essere umano, ma un cane in particolare, con il quale si parla, ama essere coccolato come fosse un bambino e restituisce in mille modi tutto l’affetto che prova per te. Spesso mi chiedo, e sono in tanti a farlo, con quale coraggio si abbandona al suo destino un cane che ti ama anche quando lo maltratti. Istintivamente Dalila non ci ha pensato due volte e istintivamente a salvare il suo cagnolino lasciandosi travolgere da un treno in corsa. Una storia deamicisiana bellissima e commovente, una lezione di amore per quegli esseri abietti che all’inizio della stagione estiva si liberano dei loro cani attaccandoli agli alberi, o abbandonandoli per strada. Se potessero parlare, direbbero solo perchè? Adottare un cane più o meno gestibile è un grande atto di generosità per il quale quella bestiola ti sarà grato fino a quando camperà diventando a tutti gli effetti un componente della famiglia. Certo ci sono pro e contro, nel senso che avere un animale in casa occorre prevedere e provvedere alle sue necessità fisiologiche non dimenticando di raccogliere le loro deiezioni, ma l’affetto che si riceverà sarà straordinario e non ti farà sentire mai solo.

About the Author