Tante storie per un bottiglia di vino, ma nessuno ci dice chi ha mandato Fiorillo a Salvare le Sud Est?

Posted on by Lucio Marengo

Ripetiamo sempre le stesse cose, ma puntualmente non riceviamo mai risposte appropriate evidentemente per coprire le responsabilità di padrini che dovrebbero essere noti.  Fiorillo non è venuto da solo a sedersi sulla poltrona di comando delle gloriose ferrovie del Sud Est,qualcuno deve pur aver perorato la sua venuta a Bari (si fa per dire) pur rimanendo sempre a Roma. Quello che è vergognoso e che un talle personaggio ex Commissario Governativo fu nominato legale rappresentante e amministratore unico della florida azienda ferroviaria, ed in tanti anni nessuno si è mai accorto degli sprechi, degli sperperi, del fatto che l’amministratore viveva a Roma intascando lauti emolumenti, tantè che si parla di più milioni di euro. Chi era il vice di Fiorillo? a chi era tenuto di riferire sulla malversazione di denaro, sugli sperperi? Pare  che in tanti hanno goduto  di questo andazzo senza che nessuno stranamente se ne sia mai accorto. E la Regione non aveva pure il diritto dovere di controllare per i fondi che elargiva?  E i sindacati che notoriamente sono sempre informati non si sono mai accorti delle ruberie? A mangiare sono stati in tanti, ma i presunti responsabili a finire agli arresti domiciliari sono stati in pochi, sempre così. Auguriamoci che la lentogiustizia accelleri  i tempi per dire basta a quest’altra telenovela giudiziaria.

About the Author