Tensione fra USA e Russia sul conflitto in Siria. Già puntati i missili americani

Posted on by Antonio Curci

Tornano a soffiare prepotentemente venti di guerra fra USA e Russia. Il teatro di un possibile scontro tra le due superpotenze è la Siria. Gli Stati Uniti sarebbero pronti ad intervenire per bloccare  il regime di Assad, che secondo fonti dell’Intelligence americana, userebbe armi chimiche contro il suo popolo.

Proprio ieri si è riunito il Consiglio per la Sicurezza Nazionale Usa, presieduto dal vice presidente Mike Pence. All’ordine del giorno il problema siriano e lo studio di una possibile risposta americana al presunto attacco chimico a Duma. Secondo la Casa Bianca le responsabilità sarebbero da attribuirsi proprio al regime di Damasco.

L’attacco missilistico americano ormai dipende solo da Donald Trump, che proprio ieri, attraverso Twitter, ha mandato  una vera e propria dichiarazione di guerra: “La Russia si prepari, i nostri missili stanno arrivando, belli, nuovi e ‘intelligenti”.

La risposta del Cremlino non si è fatta attendere:  “I missili li usino contro i terroristi”. Intanto Putin sta schierano le sue navi con l’ordine preciso di rispondere agli attacchi statunitensi. Il clima diventa sempre più arroventato, anche se la Casa Bianca minimizza dicendo che nessuna decisione ufficiale è stata ancora presa. “La guerra è sempre l’ultima risorsa” ha dichiarato il segretario di Stato Pompeo che poi ha aggiunto: “Sono finiti gli anni di politica soft”. A Trump fa eco la May che avrebbe inviato in zona i sottomarini britannici e che un’azione militare potrebbe iniziare proprio tra stasera e domani.

L’Onu dal canto suo sta tentando una mediazione, chiedendo ai grandi della terra di  “evitare che la situazione diventi incontrollabile”.

Antonio Curci

 

About the Author