Trasporti, errori umani e mancanza di vigilanza del ministero dei trasporti

Posted on by Lucio Marengo

ATR 220-019 delle Ferrovie del Sud-Est a Nardo’

Fu un errore umano a provocare l’incidente ferroviario in cui, il pomeriggio del 13 giugno 2017, rimasero coinvolti due convogli delle Ferrovie del Sud Est nei pressi della stazione di Galugnano. Gli ispettori, hanno accusato l’azienda, poiché il macchinista non era abilitato a condurre quel tipo di automotrice. La società, dunque, non avrebbe vigilato sull’operato del personale e non avrebbe fornito l’adeguato livello di aggiornamento professionale. I due ex amministratori nominati dal Ministero sono indagati.Abbiamo visto nei giorni scorsi cosa è successo a Genova e ci siamo subito collegati alla vicenda di FSE dove la nuova proprietà ha inteso bypassare i corsi di formazione agli autisti e ridurre le spese di manutenzione dei passaggi a livello, dei treni e bus. Questione di soldi insomma. Si dice tanto dei Benetton in queste ore, ma il dito deve essere invece puntato contro il Ministero dei trasporti. Un buco nero senza responsabili. Nel caso di FSE è evidente che tutto, compreso il fallimento, è stato fatto da un lato per nascondere le vere responsabilità e dall’altro per regalarle a Trenitalia.Nessuno fino alla fine del 2012 si è accorto di nulla. Vogliamo crederci? Visto l’andazzo, e lo stato dei treni, se proprio occorre prendere il treno, meglio andare a passo d’uomo in attesa di conoscere la verità che è ancora tutta da scrivere.

About the Author