Vuoi vedere che nascerà un governo targato M5S-centrosinistra?

Posted on by Antonio Curci

In Italia a vincere le ultime elezioni sono stati il M5S e il centrodestra, all’interno del quale, la Lega si è trasformata nel partito più suffragato. Secondo l’attuale legge elettorale, però, nessuno di questi partiti ha i numeri per formare un Governo. Da manuale il presidente Mattarella, dopo aver sentito le forze politiche e aver preso coscienza che non esistono i margini per dare vita in tempi brevi ad un esecutivo, ha dato un mandato esplorativo alla Presidente del Senato che tenterà il tutto per tutto per mettere d’accordo centrodestra e M5S.

Sappiamo già, però, che questa ipotesi potrebbe restare solo tale perché il movimento di Grillo e di Di Maio mai siederà allo stesso tavolo di Governo con Berlusconi.

La mossa del Presidente va forse letta in funzione di quello che può accadere subito dopo la giornata di venerdì, quando la Casellati dovrà comunicare al Quirinale gli esiti degli incontri. Se dovessero risolversi con un nulla di fatto, l’alternativa più attendibile sarebbe quella di un governo targato centrosinistra-M5S.

Del resto i temi legati alla povertà, alle famiglie e al lavoro fra queste due forze politiche sono molto vicini.

Il reddito di inclusione e salario minimo garantito sono nel programma del PD e non sono così lontani dal reddito di cittadinanza dei 5 Stelle. In fondo le aperture di Martina ad una futura forza di governo e malviste dal fronte renziano, sono più che un indizio. Ma il partito è spaccato e il fronte di chi lamenta un certo immobilismo si va sempre più allargando, nonostante Guerini e Marcucci continuino ad affermare che la posizione del PD è quella di un partito di opposizione.

Ma Orlando afferma che nel PD starebbe maturando piano piano una “posizione meno intransigente” nei confronti del 5 Stelle. E anche Damiano parla di un passo in avanti di Martina quando ha avanzato le tre proposte del PD per l’azione di governo e conclude che si tratta di un passo in avanti che consente di iniziare una discussione concreta, segno che il PD “non sta sull’Aventino”.

Vuoi vedere che il mandato esplorativo alla Casellati fallirà e il governo che nascerà vedrà insieme, in nome di un patto sui programmi, proprio M5S e centrosinistra?

 

About the Author