Bari

Il tavolo o la truffa dei talenti?

Il tavolo dei talenti….o la truffa dei talenti? Con Delibera del Consiglio Metropolitano è stato emanato un bando per coinvolgere i cittadini e i professionisti nella discussione e nella soluzione di alcune problematiche che coinvolgono il nostro territorio. Lodevole il lavoro dell’Amministrazione Pubblica dell’Area Metropolitana di Bari, nel cercare di coinvolgere attivamente i cittadini nello sviluppo e nel miglioramento della nostra terra……ma l’Amministrazione è consapevole di quello che viene chiesto all’interno del bando?

A volte si ha l’impressione che le questioni siano rivolte unicamente a persone che fanno della nullafacenza la loro bandiera; altrimenti ci viene da pensare che gli amministratori costruiscano ad hoc questi bandi unicamente per populismo e propaganda senza pensare realmente alle esigenze della popolazione.

Per spiegare meglio la situazione:

1) viene chiesto un notevole impegno fisico/partecipativo senza orari con un calendario approssimativo. Citando il bando stesso “Le attività descritte nel bando, si realizzeranno PRESUMIBILMENTE nell’arco temporale di un anno dall’indizione dell’avviso medesimo”.

2) “Ci sarà una apposita e separata procedura per scegliere, da parte della CMB (Città Metropolitana di Bari), i professionisti che coordineranno gli incontri e le attività” (cit. Bando). Un altro punto abbastanza nebuloso di cui forse è meglio non farsi domande.

3) “La partecipazione alle attività del Tavolo dei talenti e delle giovani generazioni e dei gruppi di lavoro costituiti all’interno di esso è a titolo volontario e gratuito. Non è prevista, quindi, alcuna forma di retribuzione e/o di rimborso spese” (cit. Bando). Questa frase parla da se. Non capisco perchè debba essere fatto tutto gratuitamente visto che il Progetto “Metropoli strategiche” è finanziato nell’ambito del PON Governance e capacità istituzionale 2014-2020 – Fondo FSE – Asse 3 – OT 11 – OS 3.1 – Miglioramento della governance multilivello e della capacità amministrativa e tecnica delle PA nei programmi di investimento pubblico (RA 11.6) Azione 3.1.5, oltre ad essere patrocinato dall’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani).

Purtroppo è palese che per l’ennesima volta si cerca sempre di SFRUTTARE la situazione a danno dei cittadini e dei giovani professionisti con la scusa di coinvolgerli nella scelta delle soluzioni e nelle strategie per il miglioramento del territorio.

Voglio ricordare all’Amministrazione che le competenze, le idee, il lavoro in generale SI PAGA perchè frutto di anni di sudore, tempo speso, studio ed esperienza che gravano sulle spalle di tutti i professionisti e non.

Se il problema è il denaro da trovare, perchè, allora, non utilizzare gli stessi che l’amministrazione usa per pagare le Commissioni Comunali e gli Assessorati nati proprio per discutere le tematiche del bando e risolvere concretamente i problemi dei cittadini?

Pare più che evidente che le suddette Commissioni e Assessorati non sono in grado di svolgere il loro lavoro. Pierfranco Marengo

Related posts

A pane e pomodoro la solita promessa non mantenuta e il mistero della qualità dei liquami depurati.

Redazione Metropoli Notizie

Sfilata inaugurale del 6° raduno nazionale della Protezione Civile

Redazione Metropoli Notizie

Il polo della Giustizia nelle ex Casermette: quando, come e quanto costerà?

Redazione Metropoli Notizie

PROGETTO “SCUOLE SICURE”: ENTRO FINE MESE SI CONCLUDONO I LAVORI PER IL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IN CINQUE ISTITUTI SUPERIORI DELLA CITTÀ

redazione@metropolinotizie.it

Esuberi Bosch, Loizzo solidarizza con i lavoratori in lotta

Redazione Metropoli Notizie

DAL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO BUONI PER L’ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy