Attualità salute

A 100 anni si opera di cataratta per tornare a vedere il volto dei nipoti

Intervento eseguito con successo utilizzando la facoemulsificazione per la correzione della patologia

Città di Lecce Hospital – Ospedale di GVM Care & Research di Alta Specialità accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale – è stato eseguito un raro intervento di chirurgia oculare di asportazione della cataratta su una paziente di 100 anni. La cataratta è una patologia tipica dell’età senile, insorge dopo i 70 anni e comporta la degenerazione progressiva del cristallino dell’occhio che perde la sua trasparenza e si opacizza fino a ridurre quasi totalmente la vista. La complicanza più seria – se non si interviene per tempo – è la miopia.

La donna soffriva di cataratta evoluta ad entrambi gli occhi. Vedeva molto meno di un decimo: considerando che un soggetto ha una vista “normale” quando la sua visione naturale è almeno di 10/10 “dieci decimi”, la paziente riusciva appena a intravedere ombre da lontano. Da 20 anni la sua visione era ingiallita a causa della cataratta e poteva percepire con gli occhi soltanto aloni scuri intorno agli oggetti.

A causa delle evidenti limitazioni nello svolgimento delle sue attività quotidiane, la donna ha deciso di sottoporsi all’intervento per tornare a vedere la luce, i colori e soprattutto il volto dei suoi nipoti.

Ad eseguire l’intervento è stato il dottor Antonio Provenzano – che effettua ogni anno oltre 1000 procedure di cataratta, con una media di 110 casi al mese. La tecnica impiegata si chiama facoemulsificazione e si svolge in anestesia topica, cioè locale, soltanto con l’uso di colliri. Consiste nella frammentazione del cristallino opaco attraverso una mini incisione di 2,5 millimetri, e nella successiva sostituzione dello stesso con un cristallino artificiale, una protesi che non ha bisogno di essere sostituita nel tempo, e che ha permesso alla paziente di riacquistare la vista.

La facoemulsificazione attuata a Città di Lecce Hospital – a differenza delle tecniche tradizionali che comportano una permanenza media in sala operatoria di 20-30 minuti – riduce al minimo i tempi operatori in appena 6 minuti. I vantaggi dell’intervento derivano anche dal materiale protesico impiegato, di ultima generazione, biocompatibile e di ottima qualità.

 Il tutto si è svolto in via eccezionale nell’arco di due ore: accettazione, preparazione della paziente, intervento chirurgico e dimissione sono stati eseguiti in uno spazio temporale minimo per agevolare la persona anziana che è anche ipertesa e cardiopatica.

 “Considerando la veneranda età della paziente abbiamo dedicato particolare attenzione sin dalle prime fasi di accettazione – dichiara il dottor Provenzano – in modo tale da ridurre a zero i tempi di attesa e di intervento e quindi inevitabili disagi”.

Fonte: Ufficio Stampa Anthea Hospital

Related posts

“Condizioni di guida non sicure!” Rapex segnala un richiamo per le Fiat 500. Un difetto di livello grave all’albero di trasmissione anteriore destro potrebbe causare “lesioni”

redazione@metropolinotizie.it

Droga nei WC, fauna a rischio overdose

redazione@metropolinotizie.it

Casta ingenua e prevedibile, le responsabilità taciute dei burocrati

Redazione Metropoli Notizie

Tra qualche giorno Facebook presenterà GlobalCoin, la sua crittomoneta.

redazione@metropolinotizie.it

Sanità, Perrini: “Smettetela con piccole inaugurazioni, Taranto ha bisogno di strutture d’eccellenza”

redazione@metropolinotizie.it

PROGETTO “SCUOLE SICURE”: ENTRO FINE MESE SI CONCLUDONO I LAVORI PER IL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IN CINQUE ISTITUTI SUPERIORI DELLA CITTÀ

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy