Puglia

ArcelorMittal; Palombella(Uilm): “Non c’è tempo da perdere: anticipare lavori afo5 e pensionare lavoratori esposti all’amianto”

“Non c’è più tempo da perdere, servono risposte urgenti dal Governo e dal Ministro dello Sviluppo economico per risolvere la difficile situazione dell’ex Ilva di Taranto e le preoccupanti prospettive occupazionali per i lavoratori”. Così Rocco Palombella, Segretario Generale della Uilm, prima delle audizioni presso le Commissioni Attività produttive e del Lavoro della Camera dei Deputati.

“Nella fabbrica e nella città di Taranto – dichiara Palombella – si sta creando una situazione ingovernabile che rischia di diventare irriversibile senza una chiara e netta posizione da parte delle istituzioni”.

“Vogliamo sapere – continua – quali provvedimenti il governo voglia promuovere per salvaguardare la sicurezza e i livelli occupazionali dello stabilimento di Taranto e la salute dei cittadini all’esterno dell’acciaieria”.

“ Fermo restando il provvedimento di rigetto di dissequestro della Magistratura e il conseguente programma di spegnimento dell’Altoforno 2 da parte di AM e fatto salvo l’eventuale nuovo ricorso per scongiurarne la chiusura, si potrebbero anticipare i lavori sull’altoforno 5 e la sua messa in marcia nei primi mesi del 2021 così da poter dare una continuità produttiva allo stabilimento di Taranto” 

“Per tutelare i lavoratori esposti all’amianto e per alleggerire il numero degli esuberi previsti da AM – prosegue – si potrebbero prolungare oltre il 2003 i benefici previsti dalla legge per favorire l’uscita e l’accesso alla pensione degli interessati”.

“Siamo a un mese dal rischio chiusura dello stabilimento di Taranto – conclude – e le istituzioni e l’azienda devono trovare le soluzioni più idonee affinchè non vengano cancellati l’accordo del 6 settembre 2018 e gli interventi previsti dal piano ambientale per la tutela della salute all’interno e all’esterno dello stabilimento . Si devono trovare le migliori misure legislative per far continuare l’attività produttiva salvaguardando i lavoratori assunti da ArcelorMittal, tutti quelli che attualmente sono in Amministrazione Straordinaria e quelli occupati negli appalti, nei servizi e nelle manutenzioni”.

Ufficio Stampa Uilm

Related posts

Rotta fogna, liquami in mare a Bari

redazione@metropolinotizie.it

Regione Puglia: assestamento di Bilancio, M5S chiede chiarezza in aula

Redazione Metropoli Notizie

Romano: “la Regione non può continuare ad essere il bancomat dei Consorzi di bonifica”

redazione@metropolinotizie.it

Forse in futuro occorrerà tornare a conservare il denaro sotto il mattone.

Redazione Metropoli Notizie

Blocco dei reimpianti. Casili: “Non solo vincoli paesaggistici, ma mancanza di un progetto di rigenerazione del territorio”

redazione@metropolinotizie.it

Piano di riordino, Marmo e Gatta: “Emiliano ormai latitante cronico”

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy