Politica

Autonomia differenziata. M5S: “Unico argine alle ambizioni secessioniste della Lega”

Nota dei consiglieri regionali del M5S Puglia sull’autonomia differenziata. 
“Il M5S è l’unico argine alle ambizioni secessioniste della Lega. Grazie alle nostre battaglie abbiamo riportato l’autonomia nel solco della Costituzione, a tutela di tutti gli italiani: non ci saranno dipendenti della Scuola che passeranno alle Regioni, stipendi regionali e neanche stipendi di serie A e stipendi di serie B. 


La Regione Veneto aveva chiesto, nella bozza di autonomia inviata al Governo, di porre il personale della Scuola alle dipendenze della Regione: questo avrebbe avuto come conseguenza una differenza di stipendi tra la Regione Veneto e il resto d’Italia e anche maggiori difficoltà nelle assunzioni e nel trasferimento del personale scolastico da una Regione all’altra. Il Sottosegretario Salvatore Giuliano e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte hanno fatto ragionare i Ministri Bussetti e Stefani, portando alla loro attenzione anche il pericolo che la Corte Costituzionale bocciasse un’autonomia posta in questi termini. 


Rimossi anche i temi delle gabbie salariali e della possibilità di variare l’offerta formativa su base territoriale, inserendo o sottraendo alcune materie dall’elenco curriculare. Stralciati poi i passaggi legati al costo storico e al costo medio nazionale pro capite, che avrebbe creato scuole e studenti di serie A e serie B. Inizialmente, era infatti previsto che per i primi tre anni, dall’entrata in vigore dell’autonomia, i costi sarebbero stati calcolati rispetto al costo storico, vale a dire la spesa storica di ogni Regione.

Ma se in questi tre anni non ci fossero stati i fabbisogni standard, si sarebbe passati al costo medio nazionale pro capite. Questo metodo avrebbe portato a un impoverimento di alcune regioni a beneficio di altre, perfino a percepire nel tempo il 20 % delle risorse in più o in meno. Stiamo lavorando a testa bassa per difendere il Sud e di certo per farlo non abbiamo bisogno di mozioni presentate solo per vedere il proprio nome sui giornali”.

/comunicato 

Related posts

“Reddito di Cittadinanza e quota 100 non si toccano”, garantisce Fraccaro

redazione@metropolinotizie.it

I Salvini boys

redazione@metropolinotizie.it

Brindisi, emergenza rifiuti. Bozzetti: “Mancata programmazione costringe la Regione a far ricorso ai privati”

redazione@metropolinotizie.it

Conte ha rassegnato le dimissioni. Consultazioni al Quirinale domani alle 16

redazione@metropolinotizie.it

Il reddito di cittadinanza a quante ore di lavoro corrisponde?

Redazione Metropoli Notizie

Il sindaco di Bari Decaro ha sostenuto in campagna elettorale che a Bari non ci sono periferie

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy