Bari Puglia

Barca scafisti diventa biblioteca per giovani a rischio Bari

Otto minori sottoposti a misure penali o in carico ai servizi di comunità del Comune di Bari hanno restaurato Kalimchè, l’imbarcazione confiscata alla criminalità organizzata, utilizzata per il traffico di esseri umani da Bodrum a Otranto, concessa dal Ministero della Giustizia per le attività di riabilitazione dei giovani in situazione di disagio e che oggi, dopo quasi un anno di lavoro, è tornata in mare. L’inaugurazione è avvenuta nel porto di Bari con don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. Il progetto, dal nome ‘Il Cantiere d’Amare’, realizzato dall’associazione di promozione sociale ‘Marcobaleno’ di Bari, è risultato vincitore dell’edizione 2018 del concorso ‘Orizzonti solidali’ promosso dalla Fondazione Megamark.
 Dopo un percorso di formazione seguito da una seconda fase di restauro degli interni dell’imbarcazione, con il contributo dei tecnici della scuola di vela e nautica Mar di Levante Srl, l’imbarcazione riprende il mare come biblioteca itinerante per iniziative con scrittori, illustratori ed educatori sociali, frutto della collaborazione fra il Centro Giustizia Minorile per la Puglia e la Basilicata e l’assessorato al Welfare del Comune di Bari con il progetto Bari Social Boat.


 Kalimchè sarà un simbolo di riscatto e legalità” ha dichiarato il dirigente del Centro per la Giustizia Minorile di Bari, Giuseppe Centomani. Francesco Partipilo, presidente dell’APS Marcobaleno, ha evidenziato il “valore simbolico del passaggio della Kalimchè da strumento del crimine a mezzo di recupero dei minori e la loro restituzione ad una cittadinanza attiva”. “L’assessorato al Welfare ha investito circa 90mila euro per l’allestimento di questa imbarcazione e di tutti i presidi di lettura popolare, perché riteniamo fondamentale – ha spiegato l’assessore comunale Francesca Bottalico – investire nelle relazioni, nella costruzione di legami e nella conoscenza, anche per contrastare fenomeni, sempre più frequenti, connessi alla paura, all’odio e alle discriminazioni”. “L’auspicio – ha commentato Daniela Balducci della Fondazione Megamark – è che questo progetto possa diventare un esempio da seguire per altre iniziative sul territorio”.

Fonte ANSA e COMUNE DI BARI

Related posts

Ponte statale 96, Longo: “Terminati i lavori e i disagi per gli automobilisti”

redazione@metropolinotizie.it

Paolo Pellegrino nominato dal presidente Emiliano consigliere delegato per l’edilizia sanitaria pugliese

redazione@metropolinotizie.it

Indotto Ilva: Liviano chiede audizione di ArcelorMittal in Commissione Industria e Commercio

redazione@metropolinotizie.it

9 agosto: il presidente Loizzo celebra la Giornata del lavoro pugliese nel mondo

redazione@metropolinotizie.it

Piano di riordino. M5S: “Ancora una volta il libro delle buone intenzioni, ma nella realtà assistenza territoriale ancora a zero”

redazione@metropolinotizie.it

Il Consiglio regionale della Puglia alla 83 Fiera del Levante

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy