Sanità

Certificato oncologico introduttivo, Turco: “Ok dalla giunta ai protocolli d’intesa con Inps. Risultato straordinario”

“Un passo verso il traguardo. In Puglia i malati oncologici non dovranno più peregrinare tra uffici, sportelli e carte per ottenere il riconoscimento del proprio stato invalidante. Abbiamo ottenuto un risultato straordinario non arretrando mai di un centimetro su questa battaglia. Ora, senza indugio, si proceda subito con le firme dell’intesa”. 


Così il consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Giuseppe Turco, commenta l’approvazione nell’ultima seduta di giunta regionale dello schema di protocollo con cui le aziende e gli enti del servizio sanitario regionale collaboreranno con l’Inps con l’introduzione del “certificato oncologico introduttivo”, la cui compilazione e trasmissione è riservata, con un apposito pin, ai medici oncologi che hanno in cura il malato. Il certificato oncologico introduttivo è stato previsto grazie a una mozione, proposta da Turco, e approvata all’unanimità dal Consiglio regionale nella seduta dello scorso 9 aprile. 


“Il certificato oncologico rilasciato dalle strutture sanitarie – spiega Turco – fornirà alle commissioni per l’accertamento delle invalidità tutti gli elementi necessari per la valutazione, escludendo la produzione di ulteriori documenti da parte del malato. Insomma, accorciando l’iter burocratico ed evitando ulteriori calvari a soggetti già fragili per la loro condizione fisica e psichica. E sono molto soddisfatto per aver promosso questa intesa, anche grazie al prezioso sostegno dell’associazione Favo”. 


“In sostanza – conclude Turco – con atti concreti io e il mio gruppo consiliare stiamo dimostrando un’attenzione costante al mondo delle patologie. Non a caso nelle scorse ore il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una nostra mozione per accorciare le procedure burocratiche per consentire ai pazienti colostomizzati, laringectomizzati e ureterostomizzati (sottoposti a interventi chirurgici su tumore al colon retto, vescica, prostate, laringe, etc.) di ottenere dall’ufficio protesi delle Asl i dispositivi medici vitali per la qualità della vita e la loro sopravvivenza. Insomma, piccoli ma importanti tasselli per migliorare la qualità della vita dei più deboli”.

/comunicato 

Related posts

Piano di riordino, Marmo e Gatta: “Emiliano ormai latitante cronico”

redazione@metropolinotizie.it

De Leonardis: “Utimo piano di riordino, ancora e sempre senza confronto e discussione”

redazione@metropolinotizie.it

Sanità, rapporto Crea, Franzoso: “Emilano è stato di parola, la Puglia è la prima fra le Regioni più scarse”

redazione@metropolinotizie.it

PIANO RIORDINO, DAMASCELLI (FI): “IL NORD BARESE PERDE TUTTI GLI OSPEDALI, MANOVRA DI EMILIANO ALLA DAVID COPPERFIELD”

redazione@metropolinotizie.it

Oggi hanno avuto luogo i lavori della Commissione Sanità della Regione

Redazione Metropoli Notizie

Piano di riordino ospedaliero. Di Bari: “Bat provincia più penalizzata, le proteste dei medici ne sono la dimostrazione”

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy