Senza categoria

Cittadella della giustizia Bari

cittadellagiustiziabari-metropolinotizie

Dopo oltre dieci anni di una telenovela infinita forse il sipario potrebbe essere  calato definitivamente sulla realizzazione a Bari della Cittadella della Giustizia progettata dalla impresa Pizzarotti ed energicamente avversata dall’ex sindaco di Bari Emiliano, che ha parlato di vittoria della democrazia. La posizione di Emiliano in questa vicenda è stata sempre chiara e nessuno ha mai parlato di eventuali possibili pressioni esterne in questo senso, semmai l’ex sindaco qualche volta in questi  anni avrebbe lasciato intendere il contrario, e cioè che probabilmente faceva contenti altri se  il progetto Pizzarotti fosse stato realizzato. Quasi undici anni persi in una inutile controversia e la situazione della edilizia giudiziaria è in condizioni disastrose.Cosa accadrà ora? dovremo attendere altri dieci anni salvo complicazioni per avere un unico palazzo di Giustizia dove possano essere concentrati tutti gli uffici, le varie sezioni e soprattutto aule giudiziarie degne di tale nome? Dovremo sottostare ancora una volta alla spada di Damocle di  procedure burocratiche al limite della sopportazione? Comunque il sistema proposto dalla impresa Pizzarotti non era certamente malvagio in quanto la realizzazione  era a totale carico dell’impresa emiliana ed il comune di Bari avrebbe versato per trent’anni un corrispettivo che sarebbe stato pari a quello che oggi paghiamo inutilmente di canoni di licazione. Il risultato finale  (si spera che sia tale) comunque è una confitta per la città di Bari e per la Giustizia che ancora per molti anni dovrà essere ancora esercitata nelle botteghe e nelle stamberghe invece che in un tribunale moderno e addirittura con la possibilità di un carcere attiguo.

                                                                                                                   Lucio Marengo

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy