Sanità

Conca querelato da Emiliano. “Continuerò a denunciare con ancora più forza le storture della sanità pugliese”

“Per la prima volta un presidente di Regione querela un consigliere. La colpa? Quella di aver difeso i cittadini pugliesi dalle distorsioni della libera professione. Da anni mi batto per l’abolizione dell’attività intramoenia ed extramoenia e questa querela non fermerà la mia battaglia: continuerò a denunciare con ancora più forza le storture della nostra sanità”.

Così il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Mario Conca in seguito alla notifica della querela presentata dal Presidente della Regione, Michele Emiliano nei suoi confronti per diffamazione aggravata, in cui viene contestato un post dello scorso maggio, in cui il consigliere pentastellato annunciava di aver chiesto copia dei contratti stipulati dai primari ospedalieri negli ultimi dieci anni e di eventuali richieste (illegittime) avanzate dagli stessi di autorizzazione all’esercizio della professione in extramoenia, nonostante il regolamento regionale 24 del 2013 lo vieti espressamente. 


“Emiliano afferma che ho screditato la sua figura personale e istituzionale, ma non mi risulta si stia contemporaneamente preoccupando di verificare quanto ho denunciato, ovvero che i primari rispettino i contratti stipulati con le ASL e gestiscano in maniera virtuosa le strutture complesse senza danneggiare gli aiuti. In barba al regolamento regionale 24 del 2013 che li obbliga all’esclusività del rapporto – spiega il consigliere – numerosi primari avrebbero lo studio privato fuori dall’ospedale (extramoenia), sottraendo pazienti al pubblico.

Il tutto ovviamente nell’indifferenza dell’assessore alla Salute, che fa finta che tutto vada bene, tanto a pagare sono i cittadini. In un mondo dove le ingiustizie e gli sprechi regnano sovrani, Emiliano invece di occuparsi del benessere e delle tasche dei cittadini non trova di meglio da fare che querelare me. La sua priorità ancora una volta evidentemente è la campagna elettorale, la mia sono i cittadini pugliesi. Questa è la differenza”.

/comunicato 

Related posts

Taranto. Galante a evento sul nuovo codice deontologico degli infermieri. “Professionisti centrali per la sanità, il cui ruolo non viene compreso dalla politica”

redazione@metropolinotizie.it

Sanità: le audizioni sul piano regionale di riordino ospedaliero

Redazione Metropoli Notizie

Oncoematologia Taranto, Perrini: “Petizione per intitolare il reparto alla Toffa, ma funzionante ed efficiente”

redazione@metropolinotizie.it

Centro dialisi a Campi Salentina. La denuncia dei pazienti: “l’aria condizionata ci sta facendo ammalare. Un’afflizione che si aggiunge alla sofferenza di fare la dialisi”.

redazione@metropolinotizie.it

Ospedali del Salento: importanti risultati dai sopralluoghi

Redazione Metropoli Notizie

Fascicolo Sanitario Elettronico. Laricchia (M5S): “Lo hanno attivato solo 63mila pugliesi. Campagne informative su tutto il territorio”

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy