Ambiente e Vita

Corte giustizia UE e Xylella, C-Entra il futuro: “Chi ci chiederà scusa? Rimuovere significava estirpare materialmente piante infette e non notificare carte ai proprietari dei terreni”

“E ora ci sarà qualcuno disposto a chiederci scusa per le critiche e le offese ricevute solo perché si provava ad evitare il disseccamento totale degli ulivi? La Corte di giustizia europea ha affermato un principio ovvio per tutti, tranne che per qualche parte della politica e della burocrazia italiana ponzio-pilatesca. Rimuovere ‘immediatamente’ gli alberi infetti non significava accontentarsi della produzione di carte per obbligare i proprietari all’adempimento, ma estirpare materialmente le piante infette, a prescindere dai Tar, dalla Procura della Repubblica e dalle piazze rumorose sobillate da qualche decina di creduloni o politici a caccia dei loro voti”.


Lo dichiarano i Consiglieri regionali Fabiano Amati, Sergio Blasi, Napoleone Cera, Gianni Liviano, Donato Pentassuglia e Ruggiero Mennea, commentando la sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea (ECLI:EU:C:2019:676), depositata dalla V Sezione il 5 settembre 2019, pronunciata tra la Commissione europea e la Repubblica italiana sugli obblighi di rimozione delle piante infetta dal batterio Xylella fastidiosa.


“La sentenza della Corte di giustizia – spiegano i sei Consiglieri – non ha dunque ritenuto plausibile la causa di giustificazione dei procedimenti giudiziari di sequestro delle piante o i provvedimenti di giustizia amministrativa di sospensione degli atti di rimozione, perché uno Stato membro non può invocare situazioni del proprio ordinamento interno per giustificare l’inosservanza degli obblighi e dei termini risultanti dal diritto dell’Unione, e perché l’Italia avrebbe comunque potuto adottare misure normative nazionali di emergenza dirette a superare tutti gli ostacoli amministrativi e giuridici. Inoltre, la Corte di giustizia ha accertato un ulteriore inadempimento da parte dell’Italia per aver omesso di garantire, nella zona di contenimento, il monitoraggio della presenza di Xylella fastidiosa mediante ispezioni annuali effettuate al momento opportuno durante l’anno”.


“Insomma, tutte questioni su cui da qualche anno combattiamo, spesso inascoltati, nonostante la tragedia della Xylella abbia già fatto fuori tutto il paesaggio ulivetato della provincia di Lecce, parte di quello della provincia di Brindisi e Taranto, e si accinga ad aggredire – a causa delle stesse inerzie riscontrate all’inizio dell’epidemia – quello della Piana degli ulivi monumentali e del sud della provincia di Bari.

E mentre tutto ciò accade – concludono –, siamo anche costretti a osservare nuove iniziative di propaganda messe in atto dal carrozzone della disinformazione in aree non ancora colpite, forse per assicurarsi per tempo il merito di nuove e progressive distruzioni di paesaggio e produttività, a cui qualche personalità politica continua purtroppo a prestare inopportuna attenzione”.

/comunicato

Related posts

CONSORZI BONIFICA, DAMASCELLI (FI): “CONTRATTI OPERAI STAGIONALI IN SCADENZA DA PROROGARE, PER GARANTIRE ACQUA AGLI AGRICOLTORI”

redazione@metropolinotizie.it

Cambiamenti climatici: il Mediterraneo soffre il doppio degli oceani.

redazione@metropolinotizie.it

Un asteroide d’oro potrebbe portare nel caos l’economia globale. Psiche 16 è costituito da una quantità sufficiente di oro, platino, nickel e ferro che potrebbe causare il crollo dell’industria mineraria e dell’oro. Il valore complessivo di tutti i metalli preziosi è stato stimato in 700 quintilioni di dollari. La NASA ha in programma di mandare una sonda senza equipaggio in missione su Psyche a partire dal 2022.

redazione@metropolinotizie.it

(Video) Puglia tra le prime in classifica per ecomafie, Congedo: “Le istituzioni non abbassino la guardia”

redazione@metropolinotizie.it

Non solo emergenza xylella, SOS fungo killer della banane. Un fungo rischia di compromettere le piantagioni e i raccolti delle banane nel mondo. Il frutto più popolare al mondo, può essere destinato a essere spazzato via da un fungo invisibile.

redazione@metropolinotizie.it

Consiglio regionale: sì alla legge per la promozione dell’utilizzo di idrogeno

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy