Politica

Di Maio parla sempre degli altri, mai di sè. Quanti tra deputati e senatori resteranno a casa nella prossima legislatura?

Che bravo il sig. Di Maio specie quando parla sempre degli altri. Non più di due legislature per tutti, fatta eccezione OVVIAMENTE per il gruppo di dirigenti che restano aggrappati alle poltrone (un grosso SACRIFICIO da compiere).

Il Paese ha bisogno di Di Maio, di Grillo che fa il manovratore nell’ombra, di Fico, e del gruppo di scienziati che compone il governo. E gli altri che fine faranno? “Perchè esistono gli altri”, direbbe il Ministro degli Esteri.

Non ho citato Casaleggio visto che nel movimento attraverso la piattaforma Rousseau sembra avere il compito speciale di selezionare una classe dirigente che non c’è. Tra qualche giorno sarà sicuramente approvata in Parlamento la riduzione di deputati e senatori.

Ma la legge istitutiva, che dovrebbe essere un esempio di democrazia partecipata, quando la predisporranno? In futuro, hanno detto. Non sappiamo se questa legislatura avrà vita ancora per molto, ma comunque finirà, i grillini saranno riusciti nel loro intento ed il PD ne pagherà le conseguenze.

Related posts

Trevisi: avviare le procedure per l’assunzione di personale infermieristico nelle asl.

Redazione Metropoli Notizie

Zone economiche speciali, nota di Longo

redazione@metropolinotizie.it

Le donne in politica vogliono contare di più

Redazione Metropoli Notizie

Elezioni regionali in Puglia: questa volta Emiliano ha ragione e si autocandida

Redazione Metropoli Notizie

Sprechi alimentari, Mennea: “Uno spot per diffondere la legge e combattere la povertà”.

redazione@metropolinotizie.it

Il salto della quaglia nel Movimento 5 Stelle

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy