Cronaca Puglia

Don Ciotti, S.Marco Lamis luogo speranza

‘Lo Stato qui c’è ma solo da una parte,non nel lavoro a giovani’

“Luigi e Aurelio ci incoraggiano a continuare” e “la nostra deve essere una memoria viva che deve tradursi tutti i giorni in responsabilità e impegno. Questa stele e i loro nomi dobbiamo inciderli nella nostra coscienza”. Così don Luigi Ciotti, presidente di Libera, a San Marco in Lamis per il secondo anniversario del quadruplice omicidio in cui vennero uccisi anche i due fratelli Luigi e Aurelio Luciani, nell’agguato al boss Mario Luciano Romito e al cognato Matteo De Palma.

“Questo – prosegue Don Ciotti – deve diventare un luogo della speranza. Qui la morte e la vita si sono incontrati. Ma quando ci allontaniamo da qui dobbiamo urlare, far conoscere alla gente quanto accaduto. Bisogna smuovere le coscienze”. “Lo Stato oggi qui c’è ma – sottolinea – solo da una parte. Non c’e nel dare lavoro ai giovani, nei servizi e nelle politiche sociali. Due milioni e trecentomila giovani in Italia sono senza lavoro: una società che non scommette sui giovani non scommette su se stessa”.

Fonte: ANSA

Related posts

5G, Marmo: “Montati i ripetitori in Puglia, ma senza ricerche su possibili effetti sulla salute pubblica”

redazione@metropolinotizie.it

Le vittime della strada sono in aumento? E gli ubriachi al volante?

redazione@metropolinotizie.it

Loizzo: un altro incidente sul lavoro alle Tremiti basta morti bianche

redazione@metropolinotizie.it

Gruppo Casillo: bond da 35 mln

redazione@metropolinotizie.it

Caro Governatore della Puglia i ritardi della nostra sanità dovrebbero farci vergognare.

Redazione Metropoli Notizie

Ex Ilva. Regione affida a OMS la valutazione dell’impatto sanitario. Galante (M5S): “Spreco di risorse che non servirà alla città?”

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy