Cronaca Puglia

Don Ciotti, S.Marco Lamis luogo speranza

‘Lo Stato qui c’è ma solo da una parte,non nel lavoro a giovani’

“Luigi e Aurelio ci incoraggiano a continuare” e “la nostra deve essere una memoria viva che deve tradursi tutti i giorni in responsabilità e impegno. Questa stele e i loro nomi dobbiamo inciderli nella nostra coscienza”. Così don Luigi Ciotti, presidente di Libera, a San Marco in Lamis per il secondo anniversario del quadruplice omicidio in cui vennero uccisi anche i due fratelli Luigi e Aurelio Luciani, nell’agguato al boss Mario Luciano Romito e al cognato Matteo De Palma.

“Questo – prosegue Don Ciotti – deve diventare un luogo della speranza. Qui la morte e la vita si sono incontrati. Ma quando ci allontaniamo da qui dobbiamo urlare, far conoscere alla gente quanto accaduto. Bisogna smuovere le coscienze”. “Lo Stato oggi qui c’è ma – sottolinea – solo da una parte. Non c’e nel dare lavoro ai giovani, nei servizi e nelle politiche sociali. Due milioni e trecentomila giovani in Italia sono senza lavoro: una società che non scommette sui giovani non scommette su se stessa”.

Fonte: ANSA

Related posts

Comune di Bari, approvato in giunta l’accordo quadro per la manutenzione degli edifici scolastici

Redazione Metropoli Notizie

Vento e nubifragi: Loizzo chiede misure per l’agricoltura e sicurezza stradale

redazione@metropolinotizie.it

Giannini se ci sei batti un colpo.

redazione@metropolinotizie.it

Pulizia della spiaggia della litoranea di ponente

Redazione Metropoli Notizie

Operaio ferrovia Brindisi muore folgorato Anche due feriti.

redazione@metropolinotizie.it

M5S, censiamo gli impianti esistenti per programmare le politiche regionali

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy