Ambiente e Vita Puglia

Doppio incendio nel nord barese, bruciano rifiuti vicino Lama Balice e al San Paolo. L’intervento immediato delle Guardie ambientali d’Italia per spegnere i fuochi.

Un incendio al giorno. È questo ormai il bilancio di ciò che accade nelle campagne del nord barese. Fatta eccezione per la giornata di oggi, sabato 6 Luglio, che ne conta infatti due. Ecco perché comincia a profilarsi l’idea di una vera e propria emergenza dei fuochi, nonostante sul territorio siano state prese tutte le precauzioni per la salvaguardia e la tutela dello stesso. E proprio per questo la situazione preoccupa. E preoccupa il fatto che a bruciare siano molto spesso rifiuti-materiali di plastica principalmente gettati tra le sterpaglie, che sprigionano agenti inquinanti e altamente tossici.
Sono le ore 13.40 quando i volontari delle Guardie Ambientali d’Italia, in servizio presso la Lama, scorgono una densa e nera colonna di fumo proveniente dalla campagna adiacente contrada Balice. Raggiungono immediatamente il luogo con un pick up munito di pompe idriche e con un’autobotte da 3000 litri. Tra i cespugli e la sterpaglia, cumuli di rifiuti quali sacche di immondizia, plastiche di ogni genere in preda al fuoco che rapidamente si è esteso nella campagna raggiungendo persino la soglia di un villino presente all’interno della campagna stessa. I volontari tempestivamente hanno spento le fiamme evitando il peggio. L’intervento si è concluso con successo alle 15.50 come informano le stesse guardie.
Trascorre poco tempo e alle 17.30 la vedetta dalla terrazza di Villa Framarino a Lama Balice, scorge un’altra colonna di fumo nero. Ricaricata l’autobotte da 3000 litri le guardie si recano al San Paolo, presso una campagna adiacente Viale Europa. Sul posto i Vigili del fuoco e i Carabinieri forestali avevano cominciato l’operazione di spegnimento. Le guardie prendono parte all’intervento. Anche in questo caso a bruciare sono rifiuti abbandonati e anche in questo caso l’incendio si è notevolmente esteso: 10 mila metri quadri è quanto stimano le guardie forestali e i Vigili del fuoco.

Fonte: Gabriella Pesce addetto stampa GADIT-nucleo operativo Valenzano (Ba).

Related posts

Porto di Otranto, Blasi: “Occorre evitare lo smontaggio. Il nuovo Cdm revisioni in autotutela il suo parere”

redazione@metropolinotizie.it

Xylella, Marmo e Damascelli con delegazione parlamentari di FI

redazione@metropolinotizie.it

ASSOPROLI BARI: GRAZIE A COSTANTE MONITORAGGIO E PREVENZIONE SI PREANNUNCIA UNA BUONA ANNATA PER L’OLIO PUGLIESE

redazione@metropolinotizie.it

Protesta No Tap dinanzi tribunale Lecce

redazione@metropolinotizie.it

I “terroni” ringraziano il giornalista Vittorio Feltri. Grazie a lui da oggi non sarà più facile offenderci .

redazione@metropolinotizie.it

Turismo e prezzi salati nel Salento: panzerotto o calzone venduto a 5 euro in aeroporto. Dopo la polemica sulla “frisa d’oro” un altro “scandalo” alle porte del Salento: panzerotto (o calzone a Lecce o fritta a Brindisi) venduto a 5 euro (4,90 euro per la precisione) all’aeroporto di Brindisi.

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy