Puglia salute

Ginecologia ospedale San Paolo, Damascelli: “Penalizzata da carenza di personale e strumenti obsoleti”

Nota del consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli, che ha presentato un’interrogazione urgente al presidente-assessore alla Sanità, Michele Emiliano.

“Può mancare, in un ospedale di primo livello, il parto indolore? Pur dovendo essere garantito come Livello essenziale di assistenza, da anni è stato sospeso nell’Unità di Ginecologia e Ostetricia dell’ospedale San Paolo di Bari, a causa della carenza di anestesisti. L’ennesima vergogna, conseguenza dell’opera di smantellamento della sanità pubblica che la Puglia subisce da anni, ad opera dei governi di centrosinistra.

Di questa, e di molte altre criticità, chiedo conto nella mia interrogazione urgente, indirizzata al presidente-assessore alla Sanità, Michele Emiliano. Che ne è stato dei suoi proclami, delle sue ripetute promesse di assicurare servizi sanitari efficienti e di qualità ai cittadini pugliesi?

Il San Paolo continua ad essere depotenziato, senza tener conto della sua posizione nevralgica nel territorio metropolitano e dell’utenza, che va ben oltre il capoluogo di regione e i comuni della conca barese. Non è accettabile che gli anestesisti operativi nell’intero presidio siano appena la metà della dotazione prevista.

E ancora: non essendoci l’Unità di terapia intensiva neonatale, le gestanti sono costrette a subire trasferimenti d’urgenza in altri ospedali, con tutti i rischi che ne conseguono. Non basta: il reparto è nuovo solo a metà, poiché è stato arredato con mobilio vecchio e rotto, disattendendo l’impegno di nuove forniture. Anche l’intera dotazione di strumenti e attrezzature elettromedicali è da rinnovare: molti sono obsoleti o addirittura fuori uso e mai sostituiti. Qluella che manca, in realtà, è la volontà politica di valorizzare la struttura sanitaria, affinché possa servire adeguatamente un territorio tanto vasto e popoloso. 

Nella mia interrogazione chiedo alla Giunta regionale dii provvedere con urgenza al ripristino della parto analgesia, alla sostituzione di strumentazioni e apparecchi obsoleti e fuori uso, e alla fornitura di nuovi arredi. Chiedo inoltre se s’intenda istituire l’Unità di terapia intensiva neonatale, in modo da scongiurare i rischi dovuti a trasferimenti d’urgenza, e offrire un’assistenza sanitaria completa. Il Governo Emiliano si dia da fare almeno in quest’ultimo scorcio di legislatura, per rimediare allo sfacelo che ha causato per inerzia e inettitudine”.

Related posts

L’acqua del Pertusillo che giunge nelle nostre case potrebbe essere inquinata? Cosa ne pensano il NOE e l’AQP?

Redazione Metropoli Notizie

Depuratore Manduria-Sava. M5S chiede audizione in commissione Ambiente

redazione@metropolinotizie.it

Rifiuti, Zullo: “Non so se solidarizzare con i sindaci per l’emergenza o indignarmi per il suo silenzio”.

redazione@metropolinotizie.it

Commemorazione a Lecce del Giudice Borsellino

redazione@metropolinotizie.it

Numero unico per le emergenze. Conca (M5S): “Dal 2016 attendiamo che la Giunta dia seguito alla nostra mozione”

redazione@metropolinotizie.it

Dieta anticancro: latte per prevenire tumori e diabete

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy