Politica

“Giuseppi” da servitore a padrone, una fulgida carriera

Parliamo di servitore senza avere alcuna intenzione di offendere alcuno, ma per lunghi mesi il premier ha dato la netta impressione di contare poco nel ruolo difficile e subalterno che gli era stato affidato, fino a quando ha capito che probabilmente la morsa di Salvini e Di Maio poteva essere neutralizzata.

Dopo quasi un anno, Conte, in giro per il mondo a contatto con personalità internazionali, ha imparato in fretta che poteva osare di più approfittando degli errori e del linguaggio meno appropriato di Salvini, ha capito quale poteva essere il suo reale ruolo ed ha atteso che la crisi si concludesse con l’incarico di tentare di formare un Governo più di sinistra possibile, la cui vita dipenderà questa volta dalla sua abilità, visto che Zingaretti sa bene che se si dovesse tornare al voto la sua fulgida carriera potrebbe essere arrivata al capolinea.

Related posts

Voto di scambio: a Bari sindaco e consiglieri firmano patto etico

redazione@metropolinotizie.it

Nessun motivo per aprire una procedura d’infrazione. Così Mattarella difende l’Italia

redazione@metropolinotizie.it

Il bentornato in Parlamento Europeo a Silvio Berlusconi

Redazione Metropoli Notizie

Di Gioia, io ed Emiliano incompatibili

redazione@metropolinotizie.it

Consiglio regionale, caduto il numero legale a inizio seduta. M5S: “La Puglia non può andare avanti così”

redazione@metropolinotizie.it

M5S, censiamo gli impianti esistenti per programmare le politiche regionali

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy