Attualità Politica

I magistrati interpretano ed applicano le Leggi dello Stato, la politica non è capace di predisporre una seria riforma della Giustizia

Ancora questa mattina sulla stampa locale e non solo, i commenti che si riferiscono a non pochi episodi di pagamento e riscossione di tangenti. Oltre a Nardi ed a Savasta che nel frattempo è diventato un fiume in piena riferendo di ulteriori coinvolgimenti di personaggi noti nel mondo della Giustizia e di una particolare categoria di allegri imprenditori. Non ci piace vedere un magistrato qualsiasi ammanettato e trascinato in carcere dove naturalmente rischia di fare cattivi incontri, non godiamo per questo,ma questi stessi sentimenti lasciano indifferenti quegli stessi rappresentanti della Giustizia che non disdegnano in particolare finire sulle prime pagine di quei media che qualche volta li esaltano. Se non desideriamo che la Giustizia perda di credibilità, il CSM e la Commissione giustizia con il supporto della presenza del Capo dello Stato debbono urgentemente predisporre una riforma che aggiorni e migliori il Codice Penale e contestualmente attui la separazione delle carriere tra quella inquirente e quella giudicante.
Prf. Marengo

Related posts

Perché la deputata e testimone di giustizia Piera Aiello ha denunciato Bonafede e Salvini

redazione@metropolinotizie.it

Pensioni, verso una stretta su quota 100: tre mesi d’attesa in più per lasciare il lavoro

redazione@metropolinotizie.it

Psr, Marmo: “Drammatico fallimento di Emiliano, butta risorse disponibili dalla finestra”.

redazione@metropolinotizie.it

Benvenuti a Bologna, il deserto.

redazione@metropolinotizie.it

Papa Francesco: il sovranismo mi spaventa, ricorda Hitler e porta alle guerre

redazione@metropolinotizie.it

Per Decaro Bari è solo via Sparano?

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy