Politica Puglia

Il Governo degli improvvisatori fa sprofondare l’Italia

Il rischio che Arcelor Mittal lasci Taranto diventa sempre più drammatico creando i presupposti per reazioni imprevedibili viste le conseguenze che potrebbero verificarsi. Una vera bomba nelle mani inesperte di personaggi che da un giorno all’altro sono stati investiti in ruoli talmente importanti per la vita di una comunità, che da tempi immemorabili ha dovuto difendersi da un inquinamento che ha causato non pochi morti.

La domanda che da tempo tutti si pongono è quella di comprendere perchè in più parti del mondo le industrie dell’acciaio convivono con il rispetto dell’ambiente, mentre in Italia questo non è stato mai possibile, facendo prevalere altri interessi.

Il Presidente della Repubblica dovrebbe mettere in atto iniziative tendenti a valutare le possibili conseguenze che nella migliore delle ipotesi vedrebbe circa cinquemila esuberi licenziati. In totale l’Ilva, secondo dati mai precisati, in una ipotesi peggiore e cioè quella della chiusura a perdere il posto di lavoro sarebbero oltre diecimila unità.

Mattarella convochi al Quirinale non soltanto il Premier Conte che sembra essere stato lasciato solo in questo drammatico tentativo di salvataggio, ma tutto il Governo per valutare ogni possibile tentativo di salvataggio.

Prf.Marengo

Related posts

Autonomia differenziata. M5S: “Unico argine alle ambizioni secessioniste della Lega”

redazione@metropolinotizie.it

Arrestato ex giudice Bellomo

redazione@metropolinotizie.it

Giochi del Mediterraneo 2026. Galante (M5S): “Taranto deve essere conosciuta a livello internazionale”

redazione@metropolinotizie.it

Atreju19, Fdl riunisce i Pugliesi a Roma, Congedo: “Per le regionali abbiano nomi di proporre a Tavolo nazionale”

redazione@metropolinotizie.it

Piano casa, C-Entra il futuro: “Svimez dice che le costruzioni trainano l’economia pugliese e per questo presentiamo proroga della legge”

redazione@metropolinotizie.it

A Casamassima inaugurato il nuovo depuratore,prima i reflui venivano scaricati in falda, e ora?

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy