Senza categoria

Il salto della quaglia è ritornato di moda,ma ha poco di politico

Cosa spinge un esponente politico ad ogni livello a compiere il fatidico salto della quaglia, cioè a cambiare partito o schieramento politico? Cosa c’è di ideologico in un mutamento di posizione? Forse una crisi mistica oppure un banale personale interesse di bottega? Quello che è già accaduto prima e nel corso di questa campagna elettorale, ha pochi precedenti analoghii.Si sono costituite coalizioni anomale sotto ogni aspetto, da destra a sinistra e da sinistra a destra, che hanno generato una confusione indecente. Il Centro destra ha perso una grande occasione per tentare di arginare la debacle che da anni lo sta travolgendo inesorabilmente per assoluta mancanza di materiale umano. Eravamo convinti che Decaro avrebbe avuto difficoltà alla sua rielezione visto che non ha avuto un vero avversario politico e ci è difficile comprendere gli atteggiamenti del presunto rappresentante del centro destra nella persona di Pasquale Di Rella, per circa quattro anni presidente del consiglio comunale in rappresentanza del PD. Ci dispiace evidenziare certe situazioni, ma Bari capoluogo di regione avrebbe meritato che ci fosse una vera coalizione di centro destra, magari rappresentata da un esponente politico di alto livello come l’On. Francesco Paolo Sisto mobilitando se necessario anche la vecchia classe dirigente di quella che fu una vera destra solo per un supporto di dignità politica. Decaro vincerà, certamente non per suo merito bensì per il suicidio politico di esponenti che dovrebbero innanzitutto dare conto agli elettori sul lavoro svolto in questa consigliatura al comune di Bari.e di tutti gli impegni non mantenuti da un sindaco che dopo oltre quattro anni ha didposto qualche lavoro di faccciata così come si faceva ogni ai poco prima della inaugurazione della Fiera del Levante. L’importante è vincere direbbe Decaro, ma dovrebbe ringraziare anche una opposizione soft che gli ha consentito di fare tutto quello che ha voluto, compresi gli sprechi delle aziende partecipate.

Related posts

Disciplina delle trasmissioni: messaggi politici autogestiti a pagamento

Redazione Metropoli Notizie

Una brutta gatta da pelare per il Governatore della Puglia

Redazione Metropoli Notizie

Con tutti i delinquenti in libertà,si imprigiona una insegnante per l’uso di una vettura malandata

Redazione Metropoli Notizie

Comunicato del Corecom Puglia a tutte le emittenti radiotelevisive

Redazione Metropoli Notizie

La Basilicata terra di riscatto e di grande orgoglio

Redazione Metropoli Notizie

Regionali in Basilicata,cresce e vince il Centro destra, dimezzato il mov. 5S

Redazione Metropoli Notizie

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy