Puglia Sanità

Inaugurazione sala operatoria Di Venere. Conca: “Mentre Emiliano taglia nastri, la vera sanità è dimenticata”

“Che abilità rendere l’ordinaria amministrazione, un evento. Se ci fosse una classifica per i ‘tagli dei nastri’ Emiliano si aggiudicherebbe senza dubbio il primo posto. Peccato che spesso queste inaugurazioni in pompa magna siano solo fumo negli occhi per i cittadini. L’ultimo esempio l’inaugurazione della sala operatoria incorporata nel blocco travaglio parto dell’ospedale Di Venere, che altro non è che la stessa sala operatoria che l’accordo Stato Regioni del 2010 prescrive come requisito obbligatorio per i punti nascita”, ironizza il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Mario Conca, dopo l’inaugurazione della nuova sala operatoria del blocco parto del Di Venere che ha avuto come padrino dell’evento il governatore.


“Mentre Emiliano inaugurava la stessa sala operatoria già inaugurata da Vendola più di cinque anni fa, e mai utilizzata, la vera sanità – continua Conca – quella fatta di accoglienza e supporto alle persone deboli, veniva puntualmente ignorata. Mentre Emiliano inaugurava, con tutto il personale e la dirigenza in parata, due reparti esistenti che erano stati sottoposti ad una doverosa ristrutturazione, un signore di 95 di Bari affetto da Alzheimer, veniva sballottato dal Di Venere al Policlinico per poi approdare alla Neurologia di Bisceglie, perché manca un percorso definito per i pazienti psichiatrici.

La stessa mancanza – racconta – che ha causato l’aggressione ad un medico del pronto soccorso di Carbonara. Sempre ieri, un ragazzo con disforia mi ha parlato della sua attesa logorante di un anno per la presa in carico per il percorso che lo renderà felice e ho ascoltato la storia di un bambino di un anno che cadendo si è tagliato la lingua e dopo essere passato dal Miulli, dall’Ospedale Pediatrico e dal Policlinico, è tornato a casa senza alcuna medicazione perché non si è trovato un anestesista disposto ad anestetizzarlo per la sutura.

Questo è solo uno spaccato: la realtà, purtroppo, è molto più drammatica. Eppure Emiliano tutto ciò non lo sa – ironizza il pentastellato – impegnato a tagliare nastri. L’unica buona notizia per i cittadini è l’imminente apertura del nuovo Pronto Soccorso del Policlinico, dove ieri ho fatto un sopralluogo per accertarmi dello stato dei lavori. Un reparto pensato sul modello svedese con raffigurazioni familiari, musica di sottofondo e percorsi separati per i vari codici. Speriamo che non sia il solo caso di promessa mantenuta di questa legislatura”.

/comunicato

Related posts

Elezioni regionali 2020. Emiliano impegnato a difendersi su due fronti?

Redazione Metropoli Notizie

SS 96. Conca: “Autovelox illegittimo, sollecitato il Prefetto: solo una trappola per fare cassa”

redazione@metropolinotizie.it

Bando per l’acquisto di bici per i braccianti agricoli, Turco: “Pubblicato avviso che recepisce mio progetto”

redazione@metropolinotizie.it

Franzoso: “Bluff sull’ Emergenza rifiuti, Stea sperpera tre milioni per coprire trasporto fuori regione, anziché realizzare impianti”

redazione@metropolinotizie.it

ARIF, DAMASCELLI E GATTA (FI): “STOP A DISCREZIONALITÁ NOMINE PUBBLICHE, SERVONO TRASPARENZA ED EFFICIENZA”

redazione@metropolinotizie.it

Quali sono le responsabilità della Regione nelle ferrovie locali?

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy