Puglia salute

Intesa Regione Puglia-Oms su Taranto.

Presi in considerazione tre scenari, risultati entro 1 anno.

La regione Puglia si affida all’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per definire gli scenari futuri a livello di impatto sanitario che riguardano Taranto. Da trent’anni è definita area ad alto rischio ambientale, in cui in un arco di 50 anni si inserisce l’operato dell’acciaieria più grande d’Europa, l’ex Ilva. La collaborazione, presentata oggi a Roma, prevede la valutazione scientifica di tre scenari: quello attuale, secondo quanto prevede autorizzazione integrata ambientale; quello che utilizza le migliori tecnologie; infine il cosiddetto “scenario zero” in cui con l’impianto spento non vi siano più emissioni. I risultati si avranno nel giro di un anno, il costo dell’operazione è di 140mila euro. “Questa sinergia – aggiunge Emiliano – si colloca nel contesto del protrarsi di una situazione di incertezza per la salute dei tarantini, di complessità dei dati disponibili e non scevra da risvolti giudiziari”.

Ansa

Related posts

Piano di riordino ospedaliero. Di Bari: “Bat provincia più penalizzata, le proteste dei medici ne sono la dimostrazione”

redazione@metropolinotizie.it

Sciopero alle Ferrovie del Sud Est. Ritorno al medio evo dei trasporti

redazione@metropolinotizie.it

DA OGGI FINO A DOMENICA IN FIERA SCREENING GRATUITI CONTRO LA DEGENERAZIONE MACULARE SENILE

redazione@metropolinotizie.it

Preapertura stagione venatoria, Bozzetti: “Necessari ulteriori approfondimenti dopo la sospensione del Tar in altre regioni”

redazione@metropolinotizie.it

Maltempo in Puglia. Trevisi (M5S): “Si approvi la nostra proposta per aiutare il territorio ad affrontare eventi climatici estremi”

redazione@metropolinotizie.it

Consiglio regionale, approvate modifiche legge turismo rurale

redazione@metropolinotizie.it

Questo sito utilizza cookie per finalità esclusivamente tecniche. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy